• Mondo
  • lunedì 22 gennaio 2018

George Weah ha giurato come nuovo presidente della Liberia

La seguitissima cerimonia è avvenuta nello stadio di Monrovia: è la prima volta nella storia del paese che un nuovo presidente prende il potere in modo pacifico

Monrovia, Liberia

George Weah, ex calciatore del Milan e Pallone d’Oro, ha giurato oggi come nuovo presidente della Liberia durante un’affollatissima cerimonia nello stadio Samuel Doe di Monrovia.

Weah – che ha 51 anni e fa parte del partito del Congresso per il cambiamento democratico – era stato eletto presidente lo scorso 28 dicembre battendo al ballottaggio l’ex presidente Ellen Johnson Sirleaf con il 60 per cento dei voti. La sua vittoria era stata celebrata da molti sostenitori per le strade di Monrovia e questa transizione di potere è stata la prima degli ultimi 47 anni ad avvenire in modo pacifico. La Liberia è tra i paesi più poveri e corrotti dell’Africa occidentale, ha attraversato lunghe guerre civili, colpi di stato e, nel 2015, una delle peggiori epidemie di ebola della storia. Weah, che per durante la campagna elettorale ha molto sfruttato la sua popolarità per raccogliere i voti dei più giovani, ha promesso interventi radicali contro la povertà, ma non ha presentato un dettagliato programma economico su come intenda farlo.

George Weah, ex calciatore del Milan e Pallone d’Oro, alla cerimonia per il suo giuramento come presidente della Liberia (ISSOUF SANOGO/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.