Luca Zaia, Matteo Salvini e Roberto Maroni, Milano, 27 febbraio 2017 (LaPresse - Mourad Balti Touati)

A Roberto Maroni non piace che Giulia Bongiorno sia candidata con la Lega

«È davvero cambiato il mondo: io e Bossi quelli come Andreotti li abbiamo sempre combattuti»

Luca Zaia, Matteo Salvini e Roberto Maroni, Milano, 27 febbraio 2017 (LaPresse - Mourad Balti Touati)

Roberto Maroni – storico dirigente della Lega Nord e presidente uscente della Lombardia – ha criticato su Twitter la scelta del suo partito di candidare capolista in molti collegi l’avvocata Giulia Bongiorno, famosa per aver difeso a processo Giulio Andreotti e per essergli stata politicamente vicina.

Bongiorno, che in passato è stata parlamentare per il Popolo delle Libertà e Futuro e Libertà per l’Italia, ha detto che «questa Lega nazionale l’avrebbe approvata anche Andreotti», in riferimento alla decisione della Lega di togliere la parola “nord” dal suo simbolo e allontanarsi dalle posizioni settentrionaliste del suo passato. Maroni – che ha da tempo un rapporto di rivalità con il leader della Lega, Matteo Salvini – ha scritto su Twitter che «è davvero cambiato il mondo».

Giulia Bongiorno: “Questa Lega nazionale l’avrebbe approvata anche Andreotti”. È davvero cambiato il mondo: io e Bossi quelli come Andreotti li abbiamo sempre combattuti.