• Italia
  • mercoledì 17 gennaio 2018

Dove saranno i militari italiani nel 2018

Il Parlamento ha approvato il decreto sulle missioni militari all'estero: ci sono novità in Niger e in Tunisia, e si spenderà di più che nel 2017

Soldati italiani della missione ONU in Libano (MAHMOUD ZAYYAT/AFP/Getty Images)

Il Parlamento ha completato il voto sulle missioni militari italiane attive nel mondo nel corso del 2018. La Camera – che può lavorare anche se il Parlamento è stato sciolto lo scorso 28 dicembre dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella – ha infatti approvato un decreto del Consiglio dei ministri di fine dicembre, già approvato in Senato. Hanno votato contro il M5S e Liberi e Uguali, la Lega si è astenuta mentre Forza Italia e Fratelli d’Italia hanno votato insieme alla maggioranza. Con il decreto, il governo di Paolo Gentiloni ha proposto il rinnovo delle missioni militari già attive nel 2017 e l’avvio di nuove operazioni, la più importante delle quali in Niger. È una prassi che il Parlamento approvi il piano del governo sulle missioni militari, quindi non ci si aspettava nessuna sorpresa nella votazione di oggi.

Ci sono un paio di cose da dire, però, sul decreto del governo. Innanzitutto le nuove missioni militari saranno concentrate in Africa – Niger e Tunisia, oltre che un rafforzamento dell’impegno italiano in Libia – e questa scelta evidenzia come le priorità della sicurezza italiana siano oggi legate alla lotta al traffico di persone e alla diffusione del jihadismo. Nel documento approvato dal governo si prevede anche una riduzione dell’impegno militare in Medio Oriente, in particolare in Iraq e in Afghanistan, che dovrebbe bilanciare l’aumento della presenza in Africa senza far crescere complessivamente il numero dei soldati impegnati sul campo. Infine, per quanto riguarda le spese, il governo prevede un budget per le missioni militari un po’ più alto che nel 2017 – si passerà da 1.427 a 1.505 milioni di euro – e per ora sufficiente a dare copertura finanziaria alle missioni solo fino alla fine di settembre 2018 (per arrivare a coprire i costi fino a fine anno si dovranno fare aggiustamenti in corso d’opera).

Le nuove missioni italiane all’estero
Saranno due, in Niger e in Tunisia, ma sarà rafforzata anche quella già esistente in Libia. Nel decreto del Consiglio dei ministri si legge: «Le nuove missioni si concentrano in un’area geografica – l’Africa – ritenuta di prioritario interesse strategico in relazione alle esigenze di sicurezza e difesa nazionali». Per il governo italiano queste esigenze di sicurezza nazionale sono per lo più il controllo dei flussi migratori, la lotta al traffico degli esseri umani e alla diffusione del jihadismo.

La missione di cui si è parlato di più negli ultimi mesi è quella in Niger, dove saranno impiegati tra i 120 e i 470 soldati. Il contingente italiano non opererà però solo in Niger, ma anche negli altri paesi dell’area che condividono con il governo nigerino gli stessi problemi relativi al traffico di esseri umani e alla presenza di gruppi jihadisti: quindi Mauritania, Nigeria e Benin. La base delle operazioni italiane sarà un ex fortino della Legione straniera a Madama, al confine con la Libia meridionale, una zona centrale per controllare il traffico di esseri umani che coinvolge i migranti che partono dalla Libia per raggiungere le coste italiane. L’Italia non sarà l’unica forza straniera nell’area: qui infatti operano da anni soldati di diversi paesi europei e non, con una netta prevalenza dei francesi. La missione in Niger è anche la seconda più costosa approvata dal governo: costerà 30 milioni di euro.

La missione in assoluto più costosa sarà però quella in Libia, per la quale è prevista una spesa di 34,9 milioni di euro. L’interesse italiano verso la sponda sud del Mediterraneo non sorprende, visto che la pacificazione della Libia è diventata da tempo la priorità della politica estera e di sicurezza italiana. La nuova missione in realtà è la riconfigurazione di due missioni già esistenti, che verranno potenziate. Con la prima, iniziata nel settembre 2016, fu creato un ospedale da campo nella città libica di Misurata (la cosiddetta “Operazione Ippocrate”), mentre con la seconda, molto contestata, si è iniziato l’addestramento della Guardia costiera libica per controllare i flussi migratori nel Mediterraneo. In generale l’Italia continuerà a sostenere il governo di unità nazionale guidato dal primo ministro Fayez al Serraj, che però continua a essere molto debole e a controllare solo una piccola parte del territorio libico.

La terza nuova missione si svolgerà in Tunisia nell’ambito delle attività per la sicurezza della NATO. I soldati italiani impiegati, che saranno 60, dovranno sviluppare le capacità dei tunisini di condurre operazioni interforze: è un obiettivo fondamentale per un paese che sta impiegando sempre più spesso i militari a fianco delle forze di polizia e della Guardia nazionale per controllare le frontiere e contrastare il terrorismo. La missione in Tunisia, richiesta alla NATO dallo stesso governo tunisino, costerà poco meno di 5 milioni di euro.

Le missioni italiane che verranno rinnovate
Le nuove missioni militari italiane in Africa verranno bilanciate dal progressivo ritiro dei soldati impiegati in Iraq e in Afghanistan, cioè dalle due missioni più costose del 2017. La recente sconfitta dello Stato Islamico in Iraq, ha detto la ministra della Difesa Roberta Pinotti a Repubblica, permetterà di ridurre i 200 soldati schierati intorno alla diga irachena di Mosul, di riportare uomini e mezzi a Erbil, nel Kurdistan iracheno, e di rivedere le dimensioni del gruppo di ricognizione in Kuwait. Pinotti ha aggiunto che il governo italiano chiederà di ridurre le dimensioni del suo contingente NATO in Afghanistan occidentale.

Il governo italiano ha rinnovato anche le missioni già in corso nel 2017. È stata rifinanziata la partecipazione dei soldati italiani alla missione ONU in Libano (UNIFIL), e quella NATO in Kosovo, dove l’Italia sta impiegando mezzo migliaio di militari. Sono state riconfermate le missioni navali per il contrasto ai trafficanti di esseri umani nel Mediterraneo: l’Italiana “Mare sicuro” e l’europea “Sophia”. Nel 2018 l’Italia parteciperà anche più intensamente alla cosiddetta “Air policing” della NATO, cioè quell’attività che ha l’obiettivo di preservare l’integrità dello spazio aereo dell’Alleanza Atlantica: impiegherà quattro caccia Eurofighter Typhoon dell’Aeronautica militare in Estonia (per un costo di circa 10 milioni di euro) e altri quattro in Islanda (per un costo di circa 2 milioni di euro).

Il governo italiano ha approvato inoltre due nuove piccole missioni – una in Repubblica Centrafricana e l’altra nel Sahara occidentale – e ha rifinanziato gli impegni già presi in Egitto, Somalia e Gibuti.

Mostra commenti ( )