Un fermo immagine del video registrato dalle telecamere di sicurezza di Palazzo Ducale
  • Italia
  • venerdì 5 gennaio 2018

Il video del furto di gioielli a Palazzo Ducale a Venezia

Le telecamere di sicurezza all'interno della sala dello Scrutinio hanno ripreso uno dei due rapinatori estrarre dalla teca i gioielli dello sceicco Al-Thani

Un fermo immagine del video registrato dalle telecamere di sicurezza di Palazzo Ducale

Mercoledì scorso a Venezia due rapinatori hanno rubato dei gioielli nel giorno della chiusura della mostra “Tesori dei Moghul e dei Maharaja”, che aveva aperto a settembre a Palazzo Ducale. Il furto è avvenuto nella sala dello Scrutinio di Palazzo Ducale intorno alle 10 del mattino, e senza particolare clamore: come si può vedere dalle immagini registrate dalle telecamere di sicurezza, il rapinatore che ha sottratto i gioielli non ha dovuto fare altro che scassinare la teca blindata senza far suonare l’allarme, prendere i gioielli e dileguarsi assieme al complice, che lo copriva durante il furto, senza dare nell’occhio. Dalla teca blindata sono stati presi una spilla con un diamante da dieci carati, dal valore di circa un milione e mezzo di euro, e una coppia di orecchini con diamanti e rubini dal valore di circa due milioni di euro.


I rapinatori hanno avuto un minuto di tempo per uscire da Palazzo Ducale con i gioielli prima che l’allarme collegata alla sala operativa della questura di Venezia suonasse e gli accessi al palazzo venissero sbarrati dalla sicurezza, bloccando i visitatori all’interno. I gioielli rubati — il cui valore reale sembra quindi ben più alto delle prime stime di alcune decine di migliaia di euro — facevano parte della collezione dello sceicco Hamad bin Abdullah Al-Thani, della famiglia reale del Qatar. Gli investigatori pensano che i due rapinatori siano parte di un gruppo internazionale altamente organizzato, e che nella fuga siano stati aiutati da alcuni complici.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.