• Media
  • lunedì 18 dicembre 2017

Maurizio Belpietro è stato assolto per il titolo «Bastardi islamici» pubblicato su Libero dopo gli attentati di Parigi

Maurizio Belpietro è stato assolto dal tribunale di Milano per il titolo «Bastardi islamici» pubblicato su Libero nel novembre del 2015 dopo gli attentati di Parigi. A quel tempo Belpietro, che ora è direttore del quotidiano La Verità, era direttore di Libero ed era stato accusato di “offese a una confessione religiosa mediante vilipendio di persone” aggravate dalla finalità di odio razziale. Il processo era nato dalle querele presentate da una decina di musulmani con il sostegno del Caim, il coordinamento delle associazioni islamiche di Milano e Monza.

Dopo l’assoluzione, di cui ancora non si conoscono le motivazioni che saranno pubblicate tra quindici giorni, Belpietro ha dichiarato: «Immagino che il giudice abbia ritenuto che ciò che ho spiegato in aula e che io ho sempre detto è assolutamente fondato, ossia che non c’era alcuna intenzione di offendere e di sostenere che tutti gli islamici sono bastardi». In aula Belpietro aveva spiegato: «Quando abbiamo fatto quel titolo per noi era scontato che ci si riferisse ai terroristi, perché “islamici” era aggettivo relazionale del sostantivo “bastardi” e serviva a definire la matrice islamica degli attentati e non ho scritto, infatti, “bastardi musulmani”».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.