• Italia
  • martedì 12 dicembre 2017

L’inchiesta per omicidio volontario a carico di Francesco Sicignano, l’uomo che aveva ucciso un ladro a Vaprio d’Adda, è stata archiviata

L’inchiesta per omicidio volontario a carico di Francesco Sicignano, l’uomo che aveva ucciso un ladro a Vaprio d’Adda nel 2015, è stata archiviata. Lo ha deciso la giudice per le indagini preliminari di Milano Teresa De Pascale che ha accolto la richiesta della Procura, alla quale si erano invece opposti i familiari del ragazzo albanese di 22 anni, Gjergi Gjonj, che Sicignano aveva ucciso.

Come scrive Repubblica, «all’inizio dell’inchiesta gli inquirenti avevano ipotizzato che il pensionato, quella sera del 20 ottobre 2015, avesse sparato quando il ladro non era ancora entrato nella casa ma si trovava sulle scale esterne. Il medico legale nominato dai pm, poi, oltre ai Ris di Parma, ha accertato che la dinamica della morte poteva essere compatibile con la versione di Sicignano, che aveva detto di aver sparato in casa per difendersi». Secondo i difensori della famiglia di Gjergi Gjonj, la ricostruzione dei pubblici ministeri è stata invece “parziale” e presenta “numerose incongruenze”. Nel 2016 Sicignano si era candidato con Forza Italia alle amministrative di Milano ottenendo poco più di 50 voti.

Francesco Sicignano, Milano, novembre 2015 (Piero Cruciatti/LaPresse)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.