• Mondo
  • domenica 26 novembre 2017

L’FBI non ha avvertito quasi 80 funzionari statunitensi del fatto che hacker russi hanno cercato di violare i loro account Gmail

L’agenzia di stampa Associated Press ha scritto che l’FBI non ha avvertito quasi 80 funzionari statunitensi del fatto che i loro account Gmail sono stati l’obiettivo di un gruppo di hacker russi, nonostante ne sia a conoscenza da più di un anno. Gli hacker in questione sono quelli di Fancy Bear, un gruppo legato al G.R.U., il servizio segreto militare russo, che è tra i maggiori responsabili degli attacchi informatici avvenuti negli Stati Uniti negli ultimi anni.

L’FBI non ha voluto rispondere alle domande di Associated Press, ma ha fatto sapere che «di routine segnala ai privati e alle organizzazioni le potenziali minacce verso i loro dati». Un funzionario dell’FBI ha detto all’agenzia di stampa, in condizione di anonimato, che l’agenzia di polizia è stata sopraffatta dal numero di attacchi informatici degli ultimi anni.

 

Il J. Edgar Hoover Building, il quartier generale dell'FBI a Washington, il 3 maggio 2013 (BRENDAN SMIALOWSKI/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.