Scuola elementare a otto aule, Siliqua, 1951-52 (Ettore Sottsass. Oltre il design)
  • Cultura
  • domenica 19 novembre 2017

I disegni di Ettore Sottsass in mostra a Parma

È un'altra importante mostra per i 100 anni della nascita del designer italiano: espone 700 pezzi dell'enorme archivio che donò alla città

Scuola elementare a otto aule, Siliqua, 1951-52 (Ettore Sottsass. Oltre il design)

Dal 18 novembre all’8 aprile 2018 al Centro Studi e Archivio della Comunicazione (CSAC) dell’Università di Parma si potrà visitare la mostra Ettore Sottsass. Oltre il design, che si aggiunge alle molte altre dedicate al famoso architetto e designer italiano nell’anno in cui ricorre il centenario della sua nascita. Sottsass fece ed è famoso per moltissime cose, e in particolare per la creazione del collettivo post-modernista Memphis e per la progettazione di Valentine, la macchina da scrivere rossa diventata una degli oggetti più celebri prodotti dalla Olivetti.

La mostra espone 700 pezzi selezionati tra quelli che Sottsass donò nel 1979 al CSAC: 24 sculture e 14mila materiali progettuali, tra cui schizzi, bozzetti e disegni. È costruita attorno a un percorso che segue l’ordine cronologico della realizzazione delle opere, dando rilevanza soprattutto ai disegni, che avevano un’importanza fondamentale nel processo di lavoro di Sottsass, sia a livello progettuale che di verifica formale e di riflessione. In occasione della mostra è stato stampato il catalogo Ettore Sottsass 1922-1978, pubblicato da Silvana editore, in cui è raccolto tutto il materiale d’archivio digitalizzato.

Ritratto di Ettore Sottsass nel suo studio, 1979
(Silvia Lelli/Lelli e Masotti Archivio/(Ettore Sottsass. Oltre il design)

 

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.