• Mondo
  • lunedì 30 Ottobre 2017

Peter Madsen ha ammesso di aver smembrato il corpo della giornalista Kim Wall, e ha cambiato versione sulla sua morte

L’inventore danese Peter Madsen ha ammesso di avere smembrato il corpo della giornalista svedese Kim Wall, che era scomparsa lo scorso 10 agosto dopo un giro a bordo del sottomarino privato di Madsen nel porto di Copenhagen. Il corpo di Wall era poi stato ritrovato in acqua senza testa e senza arti: nonostante Madsen fosse stato da subito il principale sospettato, ha sempre negato di averla uccisa e, fino a ieri, anche di averne mutilato il corpo. In una dichiarazione consegnata alla polizia, Madsen ha anche cambiato versione sulla morte della giornalista: inizialmente – ma comunque diverse settimane dopo l’inizio delle indagini – aveva sostenuto che Wall fosse morta dopo essere stata colpita da uno sportello che gli era involontariamente sfuggito. Ora dice invece che è morta per un’intossicazione da monossido di carbonio avvenuta all’interno del sottomarino, mentre lui era all’esterno. La polizia lunedì ha detto di aver indagato Madsen anche per stupro, oltre che per omicidio e mutilazione di cadavere.

Della morte di Wall si era parlato molto sui giornali internazionali, perché era stata da subito misteriosa e strana: Wall, che aveva 30 anni e aveva lavorato per il New York Timesil Guardian e Vice, era scomparsa dopo che per scrivere un articolo era salita a bordo del sottomarino privato di Madsen, un bizzarro imprenditore conosciuto con il soprannome “Rocket Madsen”. Il sottomarino di Madsen era stato affondato intenzionalmente quella stessa notte. Il corpo di Wall, con ferite di armi da taglio al torace e ai genitali, era stato poi ritrovato in mare giorni dopo.

(Mogens Flindt/Ritzau Foto via AP)