• Mondo
  • sabato 21 ottobre 2017

Tariq Ramadan è stato denunciato per stupro da un’attivista femminista francese

Che aveva raccontato l'accusa in un suo libro ma allora senza fare il nome dell'accusato

Lo studioso islamista svizzero Tariq Ramadan è stato denunciato per «i crimini di stupro, aggressione sessuale, violenze volontarie, stalking e intimidazione» da Henda Ayari, un’attivista femminista laica che in passato era salafita. Ayari ha denunciato Ramadan alla procura di Rouen, in Francia. Il 20 ottobre ha scritto sulla sua pagina Facebook:

«Sono stata zitta per tanti anni per paura di ritorsioni dato che quando avevo minacciato di denunciarlo per stupro, lui non aveva esitato a minacciarmi e a dirmi che sarebbe successo qualcosa ai miei figli; ho avuto paura e sono rimasta in silenzio per tutto questo tempo».

Nello stesso post Ayari chiede il sostegno dei suoi amici per affrontare le conseguenze della denuncia e dice di aver parlato delle violenze subite in un capitolo del suo libro, J’ai choisi d’être libre (“Ho scelto di essere libera”), pubblicato un anno fa da Flammarion:

«Ne ho parlato nel mio libro, in un capitolo dedicato solo a questo, cambiando il suo nome per non essere denunciata per diffamazione. Oggi però non posso più tenere questo segreto così pesante da portare, è tempo per me di dire la verità. È molto dura, ma mi sento sollevata, avevo il bisogno di parlarne anche per tutte le altre vittime. Spero veramente che altre donne vittime, come me, oseranno parlare e denunciare questo guru perverso che usa la religione per manipolare le donne!».

Je vais vraiment avoir besoin de soutien mes ami(e)s, car en balançant le nom de mon agresseur, qui n'est autre que…

Posted by Henda Ayari on Freitag, 20. Oktober 2017

Ayari ha 40 anni ed è la fondatrice dell’associazione Libératrices, che ha sede a Rouen e si occupa di aiutare le madri single. Nel suo libro aveva chiamato il suo molestatore Zoubeyr: nel capitolo in cui si parla di lui, Ayari racconta di averlo incontrato nella camera d’albergo a Parigi in cui l’uomo alloggiava perché si trovava in città per tenere una conferenza. L’avvocato di Ayari Jonas Haddad ha detto che la sua cliente ha deciso di rivelare solo ora l’identità di Zoubeyr perché si è sentita incoraggiata dai numerosissimi racconti di molestie fatti da donne di tutto il mondo dopo che si è venuto a sapere di quelle di cui è accusato l’ex produttore cinematografico di Hollywood Harvey Weinstein.

Ramadan ha 55 anni ed è il nipote del fondatore dei Fratelli Musulmani. Insegna Scienze islamiche contemporanee all’Università di Oxford; è molto stimato da una parte dei musulmani mentre è stato spesso criticato duramente da intellettuali cristiani e atei – ad esempio Christopher Hitchens – per le sue idee sull’Islam politico, e spesso accusato di indulgenza con il fanatismo islamista. Finora non ha risposto in alcun modo alle accuse di Ayari.

Tariq Ramadan nel suo ufficio di Doha, in Qatar, il 14 dicembre 2015 (KARIM JAAFAR/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.