• Mondo
  • sabato 21 ottobre 2017

Due attentati suicidi hanno ucciso 72 persone in Afghanistan

Uno a Kabul e uno nella provincia di Ghor, indipendenti l'uno dall'altro

Venerdì 20 ottobre ci sono stati due attentati suicidi in altrettante moschee e 72 persone sono morte, in Afghanistan. Uno dei due attacchi è avvenuto nella moschea sciita dell’imam Zaman a Kabul, mentre un gruppo di fedeli era riunito per la preghiera del venerdì. L’attentatore si è fatto esplodere: Najib Danish, portavoce del ministero dell’Interno, ha detto che almeno 39 persone sono morte nell’esplosione e 45 sono state ferite. L’altro attentato è avvenuto in una moschea sunnita nella regione di Ghor, nel centro del paese, dove un’esplosione ha ucciso almeno 33 persone.

L’attentato di Kabul è stato rivendicato dallo Stato Islamico (ISIS) – che ultimamente ha attaccato spesso i musulmani sciiti afghani – mentre quello della regione di Ghor per ora non è stato rivendicato. Secondo le autorità il suo obiettivo era un leader politico locale.

Il muro della moschea di Kabul dove è avvenuto l'attentato del 20 ottobre 2017 sporco di sangue (AP Photo/Rahmat Gul)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.