• Cultura
  • mercoledì 11 ottobre 2017

L’ultima opera di Leonardo da Vinci ancora posseduta da un privato andrà all’asta il 15 novembre

Il 15 novembre da Christie’s, a New York, sarà messo all’asta il Salvator Mundi, l’ultimo dipinto di Leonardo da Vinci (1452-1519) che appartiene a un privato e non a un ente pubblico e che quindi non si trova in un museo. Il Salvator Mundi risale al 1500 circa e rappresenta Gesù Cristo che con la mano destra benedice e con quella sinistra regge un globo trasparente. È un dipinto a olio su tavola, grande 66 per 46 centimetri. Sarà venduto per una cifra vicina ai 100 milioni di dollari, circa 85 milioni di euro.

Dei dipinti di Leonardo ne sono rimasti meno di venti in tutto il mondo. Il Salvator Mundi è passato di proprietà per l’ultima volta nel 2013, quando un collezionista l’aveva acquistato per 75 milioni di dollari; è stato esposto in pubblico per l’ultima volta tra la fine del 2011 e l’inizio del 2012 alla National Gallery di Londra. Per molto tempo gli esperti di storia dell’arte non sono stati sicuri che il dipinto fosse davvero opera di Leonardo; ora si pensa che lo sia per via del parere unanime di quattro studiosi che lo analizzarono su richiesta del direttore della National Gallery Nicholas Penny.

Una guardia di sicurezza di fianco al "Salvator Mundi" da Christie, a New York, il 10 ottobre 2017 (JEWEL SAMAD/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.