Trump è pronto a sfidare il suo segretario di Stato a chi ha il quoziente intellettivo più alto

Il presidente degli Stati Uniti non sembra aver preso bene le voci secondo cui Tillerson gli ha dato del "coglione"

(Ralph Freso/Getty Images)

La settimana scorsa la politica statunitense era stata agitata – tra le altre cose – dalla pubblicazione di un retroscena giornalistico da parte di NBC News secondo cui durante una riunione a porte chiuse il segretario di Stato degli Stati Uniti, Rex Tillerson, aveva dato del “coglione” (“moron”) al presidente Donald Trump. Tillerson aveva indetto una conferenza stampa per ribadire il suo sostegno al presidente, ma si era rifiutato di smentire direttamente quel particolare; solo successivamente la sua portavoce aveva diffuso una smentita più precisa. I rapporti tra Tillerson e Trump sono descritti come pessimi da settimane, e a giudicare da quanto lo stesso Trump ha detto alla rivista Forbes, quella smentita non ha convinto nemmeno lui:

«Penso che siano fake news. Ma se fosse vero, allora direi che dovremmo fare una gara e confrontare i nostri quozienti intellettivi. E so chi vincerebbe»

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.