• Mondo
  • giovedì 5 ottobre 2017

Il Tribunale costituzionale spagnolo ha sospeso la sessione del Parlamento catalano fissata per lunedì, per prevenire la dichiarazione d’indipendenza

Il Tribunale costituzionale spagnolo – il massimo organo giudiziario del paese, l’equivalente della nostra Corte Costituzionale – ha sospeso la sessione plenaria del Parlamento catalano che era stata fissata per lunedì 9 ottobre, e che si crede potesse essere usata dal presidente del governo catalano, Carles Puigdemont, per dichiarare l’indipendenza e farla votare al Parlamento. Il ricorso al Tribunale costituzionale era stato presentato dal Partito socialista della Catalogna (PSC), che aveva sostenuto che una dichiarazione di indipendenza avrebbe violato i diritti dei deputati catalani.

I partiti della maggioranza parlamentare catalana, indipendentisti, non avevano annunciato esplicitamente che lunedì ci sarebbe stata la dichiarazione di indipendenza, così come non lo aveva fatto il presidente Puigdemont nel discorso di ieri sera, ma diversi deputati sentiti dalla stampa spagnola lo avevano suggerito.

Un manifestante con una bandiera catalana durante un corteo a Plaza de España a Barcellona, il 29 settembre 2017 (Dan Kitwood/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.