I revisori contabili del comune di Roma hanno dato parere negativo al bilancio consolidato presentato dall’amministrazione comunale

L’organismo di revisione economica e finanziaria del comune di Roma (OREF) ha espresso parere negativo sul bilancio consolidato che il consiglio comunale dovrebbe approvare oggi pomeriggio. È un documento contabile in cui il comune di Roma aggrega i dati del proprio bilancio con quelli delle società controllate e partecipate, come ATAC, che si occupa del trasporto pubblico, e AMA, che si occupa dei rifiuti. Il bilancio deve essere approvato ogni anno entro il 30 settembre ed è in genere considerato meno importante del bilancio consuntivo, che va presentato entro il 30 aprile e mostra entrate e uscite del comune nell’anno precedente e di quello di previsione, in cui stabiliscono le spese per l’anno successivo.

Secondo l’OREF il bilancio consolidato presentato dalla giunta non mostra «in modo veritiero e corretto la reale consistenza economica, patrimoniale e finanziaria del gruppo amministrazione pubblica di Roma Capitale». Il problema è la mancanza di chiarezza nei bilanci delle società controllate dal comune, in particolare dei crediti e i debiti che queste hanno nei confronti dello stesso comune. La società che desta le maggiori preoccupazioni è ATAC. Per le stesse ragioni lo scorso dicembre l’OREF aveva prima bocciato e poi, a luglio, approvato con riserva il bilancio di previsione presentato dalla giunta.

In un post su Facebook, l’assessore al Bilancio del comune ha scritto che il bilancio sarà approvato in ogni caso e che il parere dell’OREF è una presa di posizione politica causata dall’ostilità dei revisori contabili nei confronti dell’amministrazione comunale.

Approveremo Bilancio consolidato. Oref fa politica.La nostra amministrazione approverà il Bilancio consolidato 2016 di…

Posted by Gianni Lemmetti on Freitag, 29. September 2017

 

(LaPresse)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.