La cosa brutta di Twitter è che non si dimentica niente

Un vecchio tweet di Alessandro Di Battista su cosa dovrebbe fare un sindaco che non sa gestire la pioggia a Roma

Ieri a Roma, come in molte altre zone d’Italia, ci sono state intense e prolungate piogge e come spesso succede a Roma questo ha causato enormi problemi e disagi, con allagamenti in tantissime zone della città, strade chiuse, rami caduti. Questa, per Roma, non è una condizione nuova: la città si è dimostrata spesso incapace di affrontare episodi meteorologici intensi e inaspettati, e diverse amministrazioni sono state criticate per non aver saputo mettere mano adeguatamente al sistema di prevenzione e gestione di queste situazioni.

Da ieri ha cominciato a girare un vecchio tweet di Alessandro Di Battista, esponente tra i più importanti del Movimento 5 Stelle: è stato scritto nel marzo 2015 dopo che un giorno di piogge intense aveva causato i soliti problemi a Roma e Di Battista criticava molto duramente l’allora sindaco della città Ignazio Marino per non aver saputo risolvere il problema della gestione delle piogge a Roma. Allora, Di Battista chiedeva le dimissioni del sindaco parlando di “città più invivibile d’Europa”: oggi però la città è amministrata dal Movimento 5 Stelle e le cose non sono andate diversamente. Ieri la sindaca di Roma Virginia Raggi, nel momento peggiore degli allagamenti, ha chiesto ai suoi concittadini di “non uscire di casa”. L’ultimo tweet di Di Battista riguarda Giulio Regeni ed è stato pubblicato una settimana fa.

La stessa Virginia Raggi, sempre nel 2015, aveva scritto un tweet per prendere in giro l’incapacità dell’amministrazione della città nel gestire la pioggia.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di più, e migliori.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la newsletter, una quota minore di inserzioni pubblicitarie, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.