• Mondo
  • lunedì 28 Agosto 2017

Trump stava cercando di fare affari immobiliari a Mosca poco prima di essere eletto, sostiene il Washington Post

Il Washington Post ha scritto di aver raccolto prove e testimonianze secondo cui Donald Trump stava cercando di costruire una Trump Tower a Mosca quando si era già formalmente candidato alle primarie dei Repubblicani nel 2016. Secondo il Washington Post, che ha parlato con diverse persone informate dei fatti e ha visto alcuni documenti, fino al gennaio del 2016, quando iniziarono le primarie, Trump aveva avuto frequenti contatti con il costruttore russo Felix Slater e aveva firmato una “lettera di intenti” per iniziare la costruzione di una Trump Tower a Mosca. Il progetto poi fallì perché Trump non ottenne i permessi necessari per costruire.

I rapporti tra Donald Trump e la Russia sono stati uno dei temi principali dei primi mesi della sua presidenza e hanno causato licenziamenti, dimissioni e diverse tensioni sia dentro che fuori dall’amministrazione statunitense. Trump, in breve, è accusato di aver avuto rapporti opachi con il governo russo, di aver ottenuto informazioni per screditare Hillary Clinton e di aver fatto promesse alla Russia ancor prima di diventare presidente.

(Spencer Platt/Getty Images)