• Cultura
  • mercoledì 23 agosto 2017

Mani al lavoro, fotografate dall’alto

Nel bel progetto del fotografo pakistano Sanwal Deen, sui mestieri del mondo – fornai e suonatori di taiko – e la parte del corpo che usiamo di più per farli

Per il suo progetto Work il fotografo pakistano Sanwal Deen ha scattato ritratti dall’alto di persone al lavoro, concentrandosi soltanto sulle loro mani, la parte del corpo più utilizzata nella maggior parte delle mansioni. Deen ha spiegato che di media passiamo più di un terzo della vita a lavorare, e il lavoro che facciamo finisce per dire molto della nostra identità. Finora Deen ha fotografato solo negli Stati Uniti, dove vive, ma ha intenzione di viaggiare in altre parti del mondo per mostrare come il lavoro in una determinata città o luogo sia direttamente legato alla cultura di quel posto. Altri suoi lavori si possono vedere sul suo sito.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.