Wilbur Zarate con una foto del chihuahua Maya nel novembre 2014 (AP Photo/Eastern Shore News, Jay Diem)
  • Mondo
  • giovedì 17 Agosto 2017

Un gruppo animalista ha ucciso senza motivo il cagnolino di una bambina di 9 anni, poi ha chiesto scusa

È successo nel 2014 in Virginia, ora PETA ha accettato di pagare 49.000 dollari di danni alla famiglia della bambina per evitare un processo

Wilbur Zarate con una foto del chihuahua Maya nel novembre 2014 (AP Photo/Eastern Shore News, Jay Diem)

La famosa associazione animalista PETA ha raggiunto un accordo extragiudiziario con una famiglia della Virginia, negli Stati Uniti, il cui cane era stato preso e ucciso da due attiviste dell’organizzazione. L’accordo eviterà a PETA un processo in cui sarebbe stata accusata di uccidere animali sani come forma di vendetta per i loro padroni che li tenevano come animali da compagnia.

La famiglia Zarate aveva fatto causa a PETA dopo che nell’ottobre del 2014 due attiviste avevano preso dal giardino di una casa ad Accomack, in Virginia, il chihuahua di nome Maya che era stato regalato per Natale da due genitori alla figlia di nove anni, e lo avevano ucciso il giorno seguente perché considerato randagio. La famiglia aveva scoperto la cosa quando, due giorni dopo la sparizione del cane, altri attivisti di PETA avevano portato loro una cassetta di frutta con un messaggio che spiegava cosa era successo.

PETA aveva subito chiesto scusa, quando era stato chiaro che il cane che avevano ucciso non era un randagio, e aveva spiegato che le due attiviste erano state chiamate nella zona per un problema di cani abbandonati e che si erano sbagliate. La famiglia, invece, aveva detto di avere delle registrazioni di telecamere di sicurezza che mostravano le due attiviste mentre attiravano il cane lontano dalla casa e lo mettevano su un furgone di PETA. La famiglia Zarate aveva detto che alla notizia della morte del suo cane, la loro figlia aveva pianto per diversi giorni.

PETA – che aveva anche sospeso e poi licenziato le due attiviste – era stata inizialmente multata di 500 dollari per non aver atteso i cinque giorni richiesti dalla legge prima dell’abbattimento di un animale randagio, ma la famiglia Zarate aveva deciso di fare causa all’associazione per 7 milioni di dollari accusandola di avere una politica di abbattimenti indiscriminati di animali. PETA, che è famosa per le sue attività aggressive contro la crudeltà nei confronti degli animali, ha la sua sede in Virginia e gestisce un centro per animali abbandonati in cui si vanta di accogliere animali in qualsiasi condizione. Il centro ha tuttavia un altissimo tasso di abbattimenti, giustificato – secondo PETA – dal fatto che molti animali vengono presi in condizioni disperate; secondo la famiglia Zarate, invece, quel tasso è il risultato di una specifica politica. Secondo la famiglia Zarate, PETA abbatteva animali anche sani perché considera avere animali da compagnia una violenza nei confronti degli animali: sarebbe quindi una sorta di eutanasia.

Il processo avrebbe dovuto iniziare a settembre, ma le due parti hanno trovato un accordo sulla base di un risarcimento di 49.000 dollari alla famiglia Zarate e una donazione di 2.000 dollari a un’altra associazione per i diritti degli animali. In un comunicato diffuso da PETA e dalla famiglia Zarate si dice che la morte di Maya è stato un incidente e che PETA non aveva nessuna volontà di danneggiare la famiglia Zarate.