• Mondo
  • giovedì 17 Agosto 2017

Uno dei senzatetto che aiutarono i feriti dell’attentato di Manchester è accusato di aver rubato loro alcuni oggetti

Dopo l’attentato di fine maggio a Manchester, nel Regno Unito, si parlò – e ne parlò anche il Post – di Chris Parker e Stephen Jones, due senzatetto che nei minuti successivi all’attentato durante il concerto di Ariana Grande alla Manchester Arena avevano soccorso e aiutato le persone rimaste ferite nell’esplosione. Di recente Parker è però stato accusato di aver rubato alle persone che stava aiutando, e il 16 agosto è iniziato il processo, in cui si è dichiarato innocente. Non ci sono molte informazioni sulle accuse contro Parker, ma secondo alcuni giornali britannici è accusato di aver rubato una borsetta dalla nonna di una delle ragazze morte nell’attentato, e di aver anche rubato uno smartphone a un’altra ragazza. Parker, che ha 33 anni, ha detto: «Non ho fatto assolutamente niente. L’unica cosa che ho fatto è stato aiutare altre persone».