Giorgio Perlasca (ANSA/WIKIPEDIA)

La storia di Giorgio Perlasca, raccontata per la prima volta in Italia da “Mixer”, nel 1990

Durante la Seconda guerra mondiale Perlasca si finse diplomatico spagnolo e salvò più di 5mila ebrei ungheresi: morì 25 anni fa

Giorgio Perlasca (ANSA/WIKIPEDIA)

Il 15 agosto 1992, esattamente 25 anni fa, è morto a Padova Giorgio Perlasca, il commerciante italiano che durante la Seconda guerra mondiale si finse Console generale spagnolo a Budapest, in Ungheria, e salvò più di 5mila ebrei ungheresi che altrimenti sarebbero stati deportati nei campi di concentramento dal regime nazista. Negli ultimi 27 anni la storia di Perlasca è stata raccontata in documentari, fiction e libri: molti la conoscono per Perlasca. Un eroe italiano, la fiction che trasmise la RAI il 28 e il 29 gennaio 2002 in occasione del Giorno della memoria, dove Perlasca era interpretato da Luca Zingaretti.

Fino all’inizio degli anni Novanta, però, Perlasca non era conosciuto in Italia, anche se aveva già ricevuto diversi riconoscimenti all’estero: nel 1989, per esempio, era stato insignito da Israele del riconoscimento di “Giusto tra le nazioni”, l’espressione usata per indicare i non-ebrei che rischiarono di farsi uccidere per salvare anche solo un ebreo dal genocidio nazista. La storia di Perlasca fu raccontata per la prima volta in Italia dal giornalista Giovanni Minoli in una puntata di Mixer andata in onda nel 1990, e poi dal libro La banalità del bene di Enrico Deaglio, uscito l’anno successivo.

La puntata di Mixer su Giorgio Perlasca, trasmessa nel 1990

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.