• Mondo
  • lunedì 14 agosto 2017

Il vice primo ministro australiano potrebbe doversi dimettere perché è anche neozelandese

Il vice primo ministro dell’Australia, Barnaby Joyce, ha scoperto di avere anche la cittadinanza neozelandese, oltre a quella australiana, e per questo potrebbe essere costretto a rinunciare al suo incarico: a parte rare eccezioni, infatti, la legge australiana non permette a chi ha doppia cittadinanza di ricoprire incarichi elettivi o di governo. La notizia della doppia cittadinanza è stata confermata anche dal governo neozelandese: il ministro degli Interni, Peter Dunne, ha detto ai media australiani che, secondo la legge della Nuova Zelanda, un bambino nato da un cittadino neozelandese acquisisce automaticamente la nazionalità del genitore. Per il momento Joyce ha detto che non si dimetterà.

Joyce non è il primo politico australiano che finisce nei guai per avere la doppia cittadinanza: uno dei casi di cui si è parlato di più di recente è quello del ministro Matthew Canavan, che si è dimesso lo scorso luglio dopo avere scoperto di avere anche cittadinanza italiana.

Barnaby Joyce (SAEED KHAN/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.