• Mondo
  • martedì 25 luglio 2017

Un ministro australiano si è dimesso perché è anche italiano

Il ministro australiano Matthew Canavan – che si occupava di risorse federali e dello stato dell’Australia del nord – si è dimesso dal suo incarico perché ha scoperto, dopo averlo chiesto all’ambasciata italiana, di avere una cittadinanza italiana oltre a quella australiana. Il problema è che (a parte rare eccezioni) la legge australiana non permette a chi ha una doppia cittadinanza di ricoprire incarichi elettivi o di governo. Canavan è anche parlamentare ma per ora non si è dimesso da quell’incarico.

Canavan – che è nato in Australia e non è mai stato in Italia – ha spiegato di non aver mai firmato i documenti per richiedere la cittadinanza italiana, ma che lo fece per lui sua madre (di origine italiana) nel 2007. Canavan era considerato uno dei più promettenti politici del National Party, un partito conservatore: non è chiaro cosa deciderà di fare ora. Per prima cosa ha detto di non voler lasciare la politica e di voler capire bene come muoversi dal punto di vista legale, anche parlando con l’ambasciata o il governo italiano. Nelle ultime settimane altri due parlamentari australiani si sono dimessi per un simile motivo, e c’è chi pensa che anche altri parlamentari potrebbero avere una doppia cittadinanza.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.