• Mondo
  • domenica 30 luglio 2017

Due politici venezuelani sono stati uccisi tra ieri e oggi, mentre nel paese si sta votando l’assemblea costituente

José Felix Pineda, un avvocato di 39 anni candidato alle elezioni di oggi per la nuova assemblea costituente del Venezuela voluta dal presidente Nicolas Maduro, e Ricardo Campos, un giovane politico del partito di opposizione Acción Democrática, sono stati uccisi tra ieri e oggi. Pineda è stato ucciso ieri sera (ora locale) a casa sua, con diversi colpi di pistola, mentre Campos è morto oggi durante una protesta, sempre per delle ferite da arma da fuoco. Le elezioni di oggi sono duramente contrastate dalle opposizioni, che insieme a molti osservatori le ritengono un tentativo di Maduro di ottenere più poteri per se stesso togliendoli al Parlamento.

 

 

Un seggio di Caracas. People queue to cast (JUAN BARRETO/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.