Cerimonia per l'anniversario della strage di via Palestro alla presenza del sindaco Giuseppe Sala, Milano, 27 luglio 2017 (LaPresse - Mourad Balti)

Giuseppe Sala è sotto scorta

Lo ha deciso la questura, ma non sono chiare le motivazioni: i giornali parlano di possibili minacce da CasaPound

Cerimonia per l'anniversario della strage di via Palestro alla presenza del sindaco Giuseppe Sala, Milano, 27 luglio 2017 (LaPresse - Mourad Balti)

Al sindaco di Milano Giuseppe Sala è stata assegnata da circa una settimana una scorta della polizia. L’agenzia di stampa ANSA dice che la decisione è stata presa dopo una segnalazione della questura e che potrebbe essere legata alle manifestazioni e alle azioni di dissenso portate avanti da CasaPound contro il sindaco. La notizia della scorta è stata confermata dallo stesso Sala:

«È una decisione del questore che vivo con tranquillità. Spero che sia un momento. Farei se possibile a meno»

A chi gli ha chiesto se la decisione fosse legata a CasaPound, Sala ha detto:

«Forse sì. Però, ripeto, nel momento in cui il questore decide, io mi adeguo. Poi, tutti i milanesi sanno che ho uno stile per cui cerco di vivere come prima, per cui speriamo che sia un momento così».

A Sala è poi stato chiesto se abbia ricevuto delle minacce concrete; ha detto che preferiva non commentare. A fine giugno un gruppo di militanti di CasaPound aveva fatto irruzione in consiglio comunale a Milano facendo il saluto romano e urlando al sindaco di dimettersi.