• Italia
  • lunedì 24 luglio 2017

Umberto Bossi è stato condannato a 2 anni e 6 mesi per truffa ai danni dello Stato nel processo sui rimborsi elettorali della Lega Nord

Il fondatore ed ex segretario della Lega Nord Umberto Bossi è stato condannato a 2 anni e 6 mesi per truffa ai danni dello Stato, in un procedimento che riguarda 56 milioni di euro di rimborsi elettorali ricevuti dalla Lega Nord e utilizzati per spese personali dalla famiglia Bossi. L’allora tesoriere, Francesco Belsito, è stato condannato a 4 anni e 10 mesi.

Insieme a loro sono stati condannati anche i tre revisori contabili del partito all’epoca dei fatti, tra il 2008 e il 2010, e due imprenditori che aiutarono Belsito ad investire il denaro del partito. Il giudice del Tribunale di Genova ha anche stabilito la confisca di 48 milioni di euro alla Lega Nord, a titolo di rimborso per i danni subiti dallo Stato. La scorsa settimana Bossi e Belsito erano stati condannati dal Tribunale di Milano in un altro processo che riguardava l’appropriazione indebita dei fondi del partito.

Lo scandalo scoppiò nei primi mesi del 2012, quando Belsito venne indagato per la sua gestione dei rimborsi elettorali ricevuti dal partito, trasferiti in alcuni casi all’estero dove erano stati investiti in varie attività, tra cui l’acquisto di diamanti. Lo scandalo portò alle dimissioni di Bossi dalla carica di segretario e finì con il coinvolgere anche i suoi due figli, Renzo e Riccardo.

(ANSA/GIORGIO BENVENUTI)