La FIAT ha concordato un aumento dei salari dei suoi dipendenti in Serbia, dopo gli scioperi delle scorse settimane

Il governo serbo ha raggiunto un accordo con sindacati e rappresentanti di FIAT Serbia per un aumento salariale per gli operai che lavorano negli impianti automobilistici di FIAT che si trovano nel paese. I sindacati erano entrati in sciopero da giugno e chiedevano una riduzione del carico di lavoro e un aumento degli stipendi per i lavoratori. Lo sciopero è stato interrotto mercoledì scorso, per permettere alle trattative di proseguire. FIAT Serbia è posseduta al 67 per cento da FIAT e al 33 per cento dal governo serbo. La società impiega 2.400 persone in una fabbrica che si trova a Kragujevac, nella parte centrale del paese. La produzione di automobili vale circa 3 per cento del PIL del paese e l’8 per cento delle sue esportazioni. Secondo la TV pubblica serba, gli operai hanno ottenuto un aumento salariale del 10 per cento, che porterà il loro stipendio a 349,53 euro al mese.

 

(AP Photo/Darko Vojinovic)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.