Kieran Read, capitano degli All Blacks, e Sam Warburton, capitano dei British and Irish Lions, tengono insieme la coppa al termine della partita appena finita in parità (MICHAEL BRADLEY/AFP/Getty Images)
  • Sport
  • sabato 8 luglio 2017

Solo nel rugby

La terza e ultima partita della serie fra All Blacks e British Lions — l'evento più atteso dell'anno — è finita pari: la coppa è stata alzata da entrambi i capitani

Kieran Read, capitano degli All Blacks, e Sam Warburton, capitano dei British and Irish Lions, tengono insieme la coppa al termine della partita appena finita in parità (MICHAEL BRADLEY/AFP/Getty Images)

La nazionale di rugby della Nuova Zelanda (cioè gli All Blacks) e i British & Irish Lions (una squadra con il meglio dei rugbisti britannici e irlandesi) hanno pareggiato la terza e ultima delle tre partite in cui si sono sfidati nelle ultime settimane. L’incontro si è giocato questa mattina all’Eden Park di Auckland, in Nuova Zelanda,ed è finito 15-15. Era la partita più attesa della stagione di rugby: per il valore dei rugbisti e per l’importanza del trofeo in palio in molti l’hanno paragonata a una finale di Coppa del Mondo. Inoltre, i British Lions non giocavano una serie contro la Nuova Zelanda dal 2005 e in più di cento anni sono riusciti a vincere solo una delle dodici serie disputate, nel 1971. Tuttavia, né l’incontro né la serie hanno avuto un vincitore, dato che entrambe le squadre hanno vinto una partita a testa delle precedenti due disputate. Tutto è quindi terminato in parità e la coppa è stata alzata insieme dai due capitani, Kieran Read, degli All Blacks e Sam Warburton, dei British & Irish Lions, in un nuova dimostrazione della estesa sportività del rugby professionistico.

La prima partita, giocata due settimane fa, era stata vinta nettamente per 30-15 dagli All Blacks. La seconda invece, giocata sabato scorso, era finita 24-21 per i British Lions, con gli All Blacks che avevano giocato per un’ora con un giocatore in meno dopo l’espulsione di Sonny Bill Williams, peraltro uno dei più forti dei suoi. Quella di oggi è stata una partita molto equilibrata e intensa, con solamente due mete segnate, entrambe dagli All Blacks, e numerosi calci di punizione. Gli ultimi minuti sono stati molto combattuti, con i neozelandesi quasi sempre nella metà campo dei britannici, i quali però sono riusciti a reggere fino alla fine. Al fischio finale, i giocatori in campo sono rimasti spiazzati per qualche istante, poi hanno iniziato a stringersi le mani e a congratularsi a vicenda. Intervistato dai cronisti a bordo campo, il capitano dei British Lions Sam Warburton ha detto: “Credo sia peggio perdere”. Oltre che strana per il risultato finale, la partita è anche stata molto bella e combattuta: Warburton ha anche rivelato che nei minuti finali della partita, con il punteggio in parità, il capitano degli All Blacks Kieran Read gli si è avvicinato ridendo per dirgli: This is rugby, mate (a grandi linee “è il rugby amico, che ci vuoi fare”).

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.