(EVARISTO SA/AFP/Getty Images)
  • Mondo
  • mercoledì 21 giugno 2017

Il presidente del Brasile ha un nuovo problema

La polizia ha detto di avere le prove che Michel Temer ha ricevuto tangenti per facilitare appalti e contratti con il governo

(EVARISTO SA/AFP/Getty Images)

La polizia brasiliana ha diffuso ieri sera un documento che dice che gli investigatori hanno trovato prove che dimostrano che l’attuale presidente del Brasile Michel Temer ha ricevuto delle tangenti per favorire JBS, la più grande società mondiale di lavorazione della carne. Il documento è stato pubblicato dalla più alta corte brasiliana, i cui giudici dovranno decidere se ascoltare i suggerimenti della polizia e procedere con un’indagine formale su Temer, che lo scorso anno aveva preso il posto dell’ex presidente Dilma Rousseff dopo il suo impeachment. L’autorizzazione a procedere dovrà però essere data dal Parlamento, con una maggioranza di due terzi.

Temer, che appartiene al Partito del Movimento Democratico Brasiliano (PMDB, di centro), ha sostituito Dilma Rousseff dopo la lunga procedura che portò alla deposizione dell’ex presidente del paese. Alla base dell’indagine per corruzione sul suo conto ci sono le testimonianze – fornite per ottenere un patteggiamento al proprio processo – di alcuni importanti dirigenti di JBS, che hanno detto di aver pagato Temer almeno 4,6 milioni di dollari in tangenti dal 2010, per facilitare appalti, contratti con il governo, risolvere contestazioni fiscali e ottenere prestiti economici dalle banche statali.

I nuovi problemi di Temer, che è già coinvolto in altre indagini, renderanno molto complicato per lui farsi carico delle importanti riforme economiche di cui il paese ha bisogno: sarà difficile tra le altre cose mantenere unita la coalizione di governo che attualmente lo sostiene. Temer ha negato di aver commesso alcun reato, e ha detto che non si dimetterà. Ci si aspetta che Rodrigo Janot, il capo procuratore federale, formalizzi le accuse contro Temer entro la fine della settimana.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.