Arlene Foster, leader del DUP (AP Photo/Peter Morrison)
  • Mondo
  • venerdì 9 giugno 2017

Chi sono questi del DUP?

Cose da sapere sugli unionisti irlandesi – un partito populista di destra – di cui Theresa May avrà bisogno per formare una maggioranza

Arlene Foster, leader del DUP (AP Photo/Peter Morrison)

Oggi il primo ministro britannico Theresa May ha detto che proverà a formare un governo con il Partito Democratico Unionista, una piccola formazione di destra populista molto forte nell’Irlanda del Nord. Gli Unionisti hanno vinto 10 dei 18 seggi dell’Irlanda del Nord e saranno necessari a May per arrivare ai 326 seggi necessari ad avere una maggioranza alla Camera dei Comuni. I Conservatori al momento hanno ottenuto 318 seggi; al conteggio manca un ultimo seggio.

Il Partito Democratico Unionista venne fondato nel 1971 da un leader religioso fondamentalista dell’Irlanda del Nord, un posto dove gli scontri religiosi tra cattolici e protestanti sono sempre stati molto forti. Il partito è il più grande tra i cosiddetti movimenti “unionisti”, cioè quei partiti politici, associazioni e, in passato, milizie paramilitari, formati da cittadini nordirlandesi protestanti contrari all’indipendenza dell’Irlanda del Nord e favorevoli a rimanere parte del Regno Unito. Per anni il DUP è stato uno dei partiti con la linea più dura nei confronti dei negoziati con gli altri partiti nordirlandesi, quelli che rappresentano i cattolici favorevoli all’unione con la Repubblica d’Irlanda.

Negli anni il DUP ha moderato alcune sue posizioni e dal 2007 si è accordato con il principale partito degli irlandesi cattolici, lo Sinn Féin, per dividersi gli incarichi di governo nell’amministrazione semi-autonoma dell’Irlanda del Nord. L’accordo ha subìto un duro colpo questo gennaio a causa di uno scandalo che ha coinvolto la leader del DUP, Arlene Foster. I componenti di Sinn Féin del governo si sono dimessi, portando alla fine anticipata della legislatura. Alle successive elezioni i due partiti hanno ottenuto quasi gli stessi voti e la regione è al momento senza un governo.

Oggi il partito risente ancora molto delle sue origini di movimento fondamentalista religioso (“fondamentalista” è un termine che usava lo stesso fondatore del DUP, Ian Paisley). Il DUP è contrario all’aborto e ai matrimoni gay, mentre alcuni suoi dirigenti sono conosciuti per i loro commenti conservatori ed estremisti sui cosiddetti temi etici e sui diritti degli omosessuali. Qualche anno fa il partito nominò ministro dell’Ambiente dell’Irlanda del Nord un negazionista del cambiamento climatico; oggi non ha una posizione ufficiale sul tema. Diversi dirigenti del partito sono “creazionisti”, non credono cioè alla teoria dell’evoluzione.

Come molti partiti di destra populista, il DUP è favorevole a una spesa pubblica più alta, in particolare per quanto riguarda sanità e pensioni. Sono favorevoli anche a una “soft Brexit”, cioè a un’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea negoziata e che, possibilmente, porti alle minori conseguenze nei rapporti con il resto dell’Unione: attualmente infatti il confine tra Irlanda del Nord e Repubblica d’Irlanda è praticamente inesistente, e sarebbe un grave danno economico per la regione se i controlli alle frontiere venissero ripristinati.

I temi economici e i negoziati su Brexit sono i punti più delicati che Theresa May dovrà risolvere se vuole ottenere l’appoggio del DUP. In particolare gli Unionisti sono contrari al cosidetto “triple lock”, un meccanismo che prevede un aumento automatico annuale delle pensioni che May aveva promesso di abolire. Gli Unionisti sono contrari anche al “winter fuel payment”, un sussidio utilizzato da molti pensionati per pagare le bollette del riscaldamento.

L’accordo, però, non sembra così difficile da raggiungere. Di fatto gli Unionisti hanno appoggiato i Conservatori già nel corso dell’ultima legislatura, quella iniziata nel 2015 in cui il partito di Theresa May, all’epoca guidato da David Cameron, aveva una maggioranza di pochi seggi. L’accordo dell’epoca era stato definito “informale” perché non venne sancito in maniera ufficiale e perché al governo non c’era nessun esponente del DUP. Qualcosa di simile a quanto accaduto nel 2015 potrebbe accadere anche nei prossimi giorni. Gli Unionisti hanno un pessimo rapporto con il leader laburista Jeremy Corbyn, che in passato ha avuto posizioni molto vicine a quelle dello Sinn Féin e dell’IRA, l’organizzazione para-militare che combatteva per l’indipendenza dell’Irlanda del Nord. Secondo diverse fonti vicine al partito interpellate dal Guardian, i membri del DUP sono disposti a qualsiasi accordo pur di impedire a Corbyn di diventare primo ministro; le stesse fonti hanno detto che anche questa volta, come nel 2015, non ritengono necessario formare un’alleanza formale con i Conservatori.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.