(ANSA/UFF STAMPA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO)
  • Italia
  • Questo articolo ha più di cinque anni

Il 3 e il 9 maggio ci sarà uno sciopero della scuola

Gli orari e tutte le informazioni sullo sciopero di domani del personale della scuola per le prove INVALSI

(ANSA/UFF STAMPA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO)

Domani, mercoledì 3 maggio, e martedì 9 maggio, ci sarà uno sciopero nazionale della scuola. Lo sciopero del 3 maggio riguarderà le scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado (cioè le medie), mentre il 9 maggio le scuole secondarie di secondo grado (cioè le superiori).

Lo sciopero è stato indetto da Cobas, Unicobas, Sgb e Usb: ha a che fare principalmente con le prove INVALSI, i test dell’Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema Educativo di Istruzione e Formazione, previste per il 3 e 5 maggio per le scuole elementari e il 12 giugno nella scuola secondaria. Dalle prove INVALSI, secondo i sindacati, emergerebbe «il modello del docente “adattabile”, derubricato a somministratore di prove standardizzate, le uniche ad avere reale valore nella valutazione, e ad “illustratore” di manuali per quiz, nel quadro dell’immiserimento materiale e culturale della scuola pubblica e del ruolo dei docenti, destinati ad un lavoro da “manovali intellettuali” tuttofare, flessibili e disponibili alle mutevoli esigenze di una sempre più cialtrona “scuola-azienda”».

Per boicottare i test INVALSI Cobas e Unicobas hanno indetto uno sciopero per l’intera giornata mentre Usb e Sgb hanno proclamato uno sciopero breve. Per quanto riguarda Usb e Sgb lo sciopero consisterà in un’astensione dalla somministrazione, correzione e tabulazione dei test INVALSI, per la durata di un’ora all’inizio del turno per la somministrazione e/o un’ora a fine turno nel caso della correzione o tabulazione. A ogni ora di sciopero corrisponderà una trattenuta di 17,50€.