Di Maio dice che in Siria era meglio lanciare delle banconote anziché dei missili

L'ha detto durante il convegno "#Sum 01 – Capire il futuro", parlando dell'attacco americano contro le forze di Assad

(Simone Bergamaschi/LaPresse)

Durante il convegno “#Sum 01 – Capire il futuro” organizzato a Ivrea dal Movimento 5 Stelle, Luigi Di Maio – dirigente del Movimento 5 Stelle e vicepresidente della Camera – ha parlato dei 59 missili Tomahawk che nella notte tra giovedì 6 e venerdì 7 aprile gli Stati Uniti hanno lanciato contro la base aeronautica militare siriana di Shayrat, a sud-est di Homs. L’attacco – il primo degli Stati Uniti contro il regime di Bashar al Assad – è stato compiuto in risposta all’attacco chimico compiuto il 4 aprile nella città di Khan Shaykhun, a una settantina di chilometri a sud di Idlib, nel quale sono rimaste uccise decine di persone. Di Maio, parlando del costo dei missili lanciati, ha detto:

Tenete presente che i missili lanciati ieri dagli Stati Uniti ci costano circa 60 milioni di dollari. Se avessero sganciato 60 milioni di dollari in banconote verso le popolazioni in difficoltà, non le avrebbero aiutate di più? E non lo dico solo agli americani, lo dico anche ai russi: quanto stiamo spendendo in armamenti sulla Siria in questo momento. Quanti soldi?

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.