• Italia
  • giovedì 9 marzo 2017

Lo sciopero delle donne è stato un errore?

Lo sostiene Dario Di Vico sul Corriere della Sera, spiegando che i fini erano tutti giusti, ma il mezzo non ha funzionato

Dario Di Vico, sul Corriere della Sera, ha spiegato come mai secondo lui lo sciopero di ieri per la Giornata internazionale della donna non ha funzionato.

Togliamoci subito il dente: lo sciopero delle donne proclamato ieri si è rivelato un mezzo disastro. Se nei sogni di molte doveva essere una grande e pacifica prova di forza capace di dimostrare «per sottrazione» che senza le donne niente funziona, purtroppo non è andata così. Hanno scioperato più uomini che donne. Alla fine il settore più colpito è stato quello del trasporto pubblico, con tutte le ricadute che ben sappiamo sugli strati meno abbienti della società. La piattaforma elaborata dall’associazione Non una di meno era corretta nell’individuazione dei temi, tra i quali femminicidio, disparità di trattamento economico, sperequazione dei carichi di lavoro, educazione. Sono tutte issue più che condivisibili e adeguate per promuovere una giornata di mobilitazione. Ma lo sciopero no.

(Continua a leggere sul Corriere della Sera)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.