(ANSA/Stefano Sacchettoni)

Quanto guadagnano gli italiani

In media nel 2016 hanno dichiarato al fisco 20.690 euro: la regione dove si dichiara di più è la Lombardia, quella dove si dichiara meno la Calabria

(ANSA/Stefano Sacchettoni)

Come ogni anno, il ministero dell’economia ha pubblicato le analisi sulle dichiarazioni dei redditi fatte nel 2016 dai cittadini italiani, quindi quelle relative all’anno fiscale 2015. Da questi dati risulta che in media gli italiani dichiarano di guadagnare 20.690 euro, in crescita dell’1,5 per cento rispetto al 2014. Il 45 per cento delle dichiarazioni è sotto i 15 mila, mentre il 49 per cento delle dichiarazioni si trova tra i 15 e i 50 mila euro. Questa fascia, da sola, rappresenta il 57 per cento del gettito IRPEF (l’imposta sul reddito delle persone fisiche), mentre il restante 5 per cento con redditi superiori ai 50 mila euro fornisce da solo il 38 per cento di gettito dell’imposta. Infine, ci sono anche 34 mila persone che guadagnano al’anno più di 300 mila euro.

La regione con le dichiarazioni dei redditi medie più alte è la Lombarda, con 24.520 euro, l’ultima è la Calabria, con 14.780 euro. Tra le tipologie di lavoratori, gli autonomi hanno le dichiarazioni più elevate, in media 32.290 euro, mentre gli imprenditori (una categoria che indica anche ditte individuali ed è quindi formata soprattutto da piccoli artigiani) dichiarano in media 19.990 euro. I dipendenti ne dichiarano in media 20.660 e i pensionati 16.870 euro.

Il famoso bonus da 80 euro, che tecnicamente è una riduzione dell’IRPEF, è stato ricevuto da 11,2 milioni di persone, per una spesa totale di 9 miliardi di euro. Riceve il bonus chi guadagna in un anno più di ottomila euro e meno di 24 mila, mentre chi ne guadagna tra 24 e 26 mila ne riceve una quota ridotta a seconda di quanto guadagna. Quasi un milione e mezzo di persone hanno dovuto restituire tutto o parte del bonus perché nel corso dell’anno hanno superato la soglia dei 24 mila euro. Altre 500 mila persone circa hanno dovuto restituire il bonus perché hanno guadagnato troppo poco e sono quindi finiti sotto la soglia sotto la quale non vengono erogati gli 80 euro.

Dai dati del ministero si può osservare anche il peso delle imposte locali, in particolare delle addizionali IRPEF. In media le addizionali sono costate 11,8 miliardi di euro, più 4,1 per cento rispetto al 2014. L’addizionale regionale più alta è quella del Lazio (620 euro), seguito dal Piemonte (510 euro), entrambe regioni con grosse difficoltà nel settore sanitario che fanno scattare aumenti automatici delle addizionali. Le addizionali più basse sono quelle della provincia autonoma di Bolzano (230 euro), della Basilicata e della Sardegna (entrambe a 270 euro). Anche le addizionali praticate dai comuni sono in aumento: nel 2015 sono cresciute del 5 per cento e hanno generato un gettito pari a 4,7 miliardi di euro.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.