Sedici vinili perfetti per iniziare una collezione

Con quello che costano i vinili nuovi e ristampati, meglio iniziare da dischi bellissimi

Anche se – come è stato spesso segnalato – si tratta più di una minuscola nicchia di mercato che di una tendenza quantitativamente rilevante, i dischi in vinile sono palesemente tornati a esistere, da qualche anno. E oggi i negozi che li vendevano hanno ripreso fiato, e mescolano nella loro offerta sia i vecchi vinili di seconda mano che le ristampe o le nuove edizioni pubblicate in questi anni: queste ultime tra l’altro molto più ricche e curate come prodotti e oggetti, grazie all’attrattiva estetica e di moda che è uno dei fattori del rinnovato successo dei vinili. Gli appassionati e i collezionisti si dividono quindi tra i fans delle edizioni originali – a costo di qualche imperfezione o deterioramento – e quelli delle nuove versioni splendenti, spesse il doppio, arricchite, e però anche piuttosto costose (i vinili di nuova produzione costano oggi tra i venti e i trenta euro, con poche eccezioni). Poi c’è chi si dedica ad ambedue i formati, e chi è costretto a fare delle scelte: ci sono vecchi dischi che non sono mai stati ristampati in vinili, e tutta una parte di produzione degli anni Novanta che appartiene al periodo in cui i vinili si era smesso di metterli in commercio.

Così capita che i nuovi settori vinile di certi negozi ripuliti siano visitati da adulti avanzati con possibilità di spesa e tentazioni di “riacquisto”, mentre nei vecchi e disordinati negozi di dischi usati si avventurino adolescenti e ventenni in cerca di idee o scoperte per una raccolta da cominciare, e ancora profani alle distinzioni tra le stampe italiane e quelle “di importazione”, per esempio. Per gli uni e per gli altri abbiamo messo insieme un lotto “facile” di straordinari dischi più e meno storici e ristampati disponibili su Amazon, scegliendo tra quelli spediti da Amazon stessa, quindi con maggiori garanzie e tempi più rapidi. E abbiamo pensato a chi teme di non sentirsi più disposto ad alzarsi ogni venti minuti per girare un disco, o a non governare la successione delle canzoni: sono dischi che hanno una loro omogeneità di qualità e suono, poco discontinui. Sono un bell’inizio per farsi una collezione nuova o rinnovata, e sono musica eccezionale. Poi, quando diventate più sgamati, c’è il paradiso dei collezionisti, il sito Discogs: ma ci vuole un po’ di senso dell’orientamento nell’offerta enorme, nel distinguere le sigle delle diverse condizioni di dischi e copertine e nel capire i fattori che orientano i prezzi.

(disclaimer: su alcuni dei siti linkati il Post ha un’affiliazione e ottiene una piccola quota dei ricavi, senza variazioni del prezzo; ma potete anche cercarli su Google)

Ora Consumismi ha una sua newsletter, gratis