(JUNG YEON-JE/AFP/Getty Images)

Da che parte sta il popolo

Da tutte, ricorda Michele Serra, perché nessun popolo ha una sola opinione, e chi dice il contrario inganna il popolo

(JUNG YEON-JE/AFP/Getty Images)

Nella sua rubrica quotidiana su Repubblica, martedì 7 febbraio, Michele Serra smonta gli abusi demagogici compiuti nei confronti delle parole “popolo e popolare”, usate dai politici per definire di solito quella parte di popolo che li sostiene e ignorare quelle parti di popolo che li avversano (quando qualcuno vince un’elezione o un referendum dice sempre che sia “una grande vittoria popolare” e mai “una grande sconfitta popolare”, per esempio).

Lady Gaga contro Trump è uno scontro pop. Milioni di americani contro milioni di americani. Questo non dobbiamo dimenticarlo; perché la più subdola e abile delle mosse dei cosiddetti populisti è fare credere che il popolo sia un ingrediente solo della loro sbobba, e non anche della sbobba democratica. Noi che abbiamo Lady Gaga (e Woody Guthrie, This land is your land) siamo popolarissimi, ed è l’ora di rivendicarlo. Ci sono casalinghe del Nebraska e carpentieri del Minnesota che detestano Trump quanto un gallerista di Manhattan. I dem hanno avuto due milioni di voti più dei trumpisti. I dem sono più popolari dei populisti: lo dice l’aritmetica.

(Continua a leggere sul sito di Repubblica)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.