Anche Facebook avrà le Storie

È in fase di sperimentazione una funzione identica a quella molto popolare di Snapchat e Instagram

Da giovedì 26 gennaio Facebook ha reso accessibile la nuova funzione “Storie” agli utenti che usano Facebook in Irlanda da dispositivi mobili iOS e Android. Facebook ha in programma di allargarne la disponibilità al resto del mondo nei prossimi mesi. È una funzione che permette di condividere con i propri amici un insieme di contenuti, come immagini e video, che scompaiono automaticamente dopo 24 ore, in modo simile a quello che accade con le “Storie” di Snapchat e Instagram (qui trovate una breve guida a quello di cui stiamo parlando).

Un portavoce di Facebook ha detto al sito Mashable che la nuova funzione è ancora in fase di sperimentazione. Al momento non è previsto che le Storie di Facebook circolino all’interno di gruppi chiusi, come avviene per le Storie di Snapchat. Le Storie appariranno in cima alla pagina, in una serie di cerchi ognuno con la foto di un proprio contatto. Toccando il cerchio si accede alla Storia creata dal proprio amico o dalla propria amica. Le storie appariranno nella timeline principale di Facebook soltanto se l’utente deciderà di condividerle.

fb-storie

La funzione Storie è stata introdotta per la prima volta da Snapchat, un social network particolarmente popolare tra i più giovani. Successivamente sono state copiate da Instagram, che è di proprietà di Facebook. Le funzionalità e persino il metodo di utilizzare le Storie sui due social network sono sostanzialmente identici. Dopo cinque mesi dal loro lancio, le Storie di Instagram hanno raggiunto 150 milioni di utenti medi giornalieri, la stessa cifra dichiarata da Snapchat. Secondo il sito Techcrunch, il successo delle Storie di Instagram ha spinto Facebook a rinunciare a una versione simile ma più semplice delle Storie, che era allo studio la scorsa estate, per introdurre invece una funzione esattamente identica alle Storie di Snapchat. Snapchat ha annunciato di volersi quotare in borsa nella prima metà del 2017, ma l’operazione potrebbe essere seriamente danneggiata dalle Storie di Facebook, che faranno concorrenza alla sua funzione principale.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.