ANSA/ US/ 'OTTO E MEZZO

Se non paga il governo, dice l’assessore all’Urbanistica di Roma, la metro potrebbe chiudere

Bisogna fare una «manutenzione straordinaria», ha detto Paolo Berdini, e la deve pagare il governo

ANSA/ US/ 'OTTO E MEZZO

L’assessore all’Urbanistica di Roma Paolo Berdini, che giovedì 22 dicembre è stato ospite di Otto e Mezzo su La7, ha detto che se il governo non darà al comune i soldi per la manutenzione straordinaria della rete metropolitana, le linee A e B rischiano di chiudere «in primavera». Berdini ha parlato poi più in generale dei molti problemi della giunta di Virginia Raggi, la sindaca eletta a giugno col Movimento 5 Stelle, e anche della sua contrarietà all’attuale progetto del nuovo stadio della Roma, già approvato dalla giunta di Ignazio Marino. Parlando della metropolitana Berdini ha detto:

«Se non facciamo manutenzione straordinaria alla metropolitana A e B, le uniche che abbiamo perché la C ce n’è solo un pezzo, le metropolitane rischiano la chiusura per problemi di sicurezza»

Dal minuto 20:10

Berdini, che ha 68 anni ed è un urbanista, ha spiegato che dopo le feste parlerà col governo per ottenere i fondi necessari perché il comune «non ha i soldi per farla». Sul Corriere della Sera Andrea Arzilli ha scritto che il comune intende chiedere 2 miliardi di euro. La metropolitana di Roma è da anni in cattive condizioni, poco paragonabili con quelle di altre capitali europee. Non è ancora chiaro se il governo intende dare al comune i fondi necessari richiesti da Berdini.

Pier Maran, assessore all’Urbanistica di Milano, la città con la miglior rete metropolitana d’Italia, ha scritto su Twitter:

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.