• Italia
  • venerdì 23 dicembre 2016

Gli insulti e le minacce al figlio di Giuliano Poletti su Facebook

Manuel Poletti, che fa il giornalista, dice di aver denunciato tutto ai carabinieri

Manuel Poletti, giornalista e figlio del ministro del Lavoro Giuliano Poletti, ha detto di aver ricevuto insulti e minacce dopo la controversa dichiarazione di suo padre sui giovani italiani che cercano lavoro all’estero. Poletti, che ha 42 anni e dirige il settimanale Setteserequi, ha detto di aver ricevuto «pesanti offese ed alcune minacce di morte», specialmente su Facebook, e di avere sporto denuncia ai carabinieri. Alcuni insulti e minacce sono ancora presenti sulla sua pagina Facebook, in forma di commento ai suoi post più recenti. Molti degli insulti sembrano concentrarsi sul fatto che il giornale che dirige Poletti, pubblicato da una cooperativa, negli ultimi tre anni ha ricevuto circa mezzo milione di euro di fondi pubblici (come del resto decine di simili giornali locali).

insulti3 insulti1
insulti2

In un’intervista al Fatto Quotidiano, Poletti si era parzialmente distanziato dalle dichiarazioni di suo padre: «Avrebbe potuto usare parole diverse. Ma non tutti quelli che vanno all’estero sono cervelli e chi resta in Italia è un mediocre».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.