• Mondo
  • lunedì 19 dicembre 2016

L’ambasciatore russo in Turchia è stato ucciso

Durante un suo discorso a una mostra fotografica ad Ankara: l'assalitore ha urlato alcune frasi sulla Siria e Aleppo, poi è stato ucciso

L'assalitore pochi istanti dopo avere sparato all'ambasciatore russo in Turchia (AP Photo/Burhan Ozbilici)

Lunedì un uomo armato ha ucciso l’ambasciatore russo in Turchia, Andrei Karlov. Al momento dell’aggressione, Karlov stava tenendo un discorso all’inaugurazione di una mostra organizzata ad Ankara, la capitale della Turchia. L’aggressore, un agente della polizia turca, ha sparato otto colpi e poi ha urlato, tra le altre cose: «Non dimenticatevi di Aleppo, non dimenticatevi della Siria!» (l’uomo ha urlato sia in turco che in arabo con accento turco); è stato ucciso a sua volta dalla polizia. L’ambasciata russa ad Ankara ha detto di considerare quello che è successo un attacco terroristico.

Attenzione: sono immagini forti

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.