Aeroporto Queen Tamar, Georgia, © Marcus Buck
  • Cultura
  • mercoledì 7 dicembre 2016

I terminal più belli del mondo

Raccolti in un libro che spiega l'arte di progettare gli aeroporti, da quello grandissimo di Madrid-Barajas a quello piccolissimo di una località sciistica in Georgia

Aeroporto Queen Tamar, Georgia, © Marcus Buck

Gli aeroporti sono luoghi affascinanti per la moltitudine di storie e persone che accolgono ogni giorno, sono luoghi di lunghe attese e spesso anche di ansie e scocciature, ma sono anche interessanti opere architettoniche sparse per il mondo.
Il libro The Art of the Airport, di Stefan Eiselin, Laura Frommberg e Alexander Gutzmer, raccoglie 21 terminal degli aeroporti più belli del mondo, raccontandone la storia e i criteri con cui sono stati progettati. Tra i più famosi c’è l’aeroporto di Madrid-Barajas, inaugurato ufficialmente nel 1931 e che è specializzato in viaggi in America Latina, con voli diretti per Buenos Aires, Montevideo e Santiago del Cile. Gli architetti Richard Rogers e Antonio Lamela progettarono il terminal 4 – che ha aperto nel 2006 – usando tantissimo bambù per creare un senso di calma e ci misero grandi finestre per lasciare entrare la luce naturale.
Poi ci sono il terminal 3 dell’aeroporto di Shenzhen-Bao’an, in Cina – realizzato a forma di manta da Massimiliano e Doriana Fuksas – e i colori di quello di Lleida, in Spagna: era stato progettato prima della crisi finanziaria del 2008 con l’intenzione di ospitare 400mila passeggeri all’anno, ma ora ne accoglie circa 30mila. Quello più particolare è l’aeroporto di Mestia, una piccola località sciistica in Georgia le cui chiese e fortezze medievali fanno parte del patrimonio mondiale dell’Unesco: l’aeroporto ha aperto nel 2010, si trova tra le montagne ed è stato progettato dallo studio dell’architetto tedesco Jurgen Mayer-Hermann con una forma molto moderna. Prima dell’aeroporto, per raggiungere Mestia da Tbilisi ci volevano sette ore e spesso in inverno la cittadina era inaccessibile per la neve: nonostante in volo ci vogliano solo 45 minuti il piano di farla diventare una località turistica molto richiesta non ha funzionato del tutto e nel 2013 hanno usato l’aeroporto solo 855 persone. Dal 2014 vengono assicurati quattro voli charter alla settimana su aerei da 15 posti.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.