• Cultura
  • giovedì 17 novembre 2016

25 infografiche di canzoni da indovinare

Realizzate da uno studio grafico a partire da qualche verso del testo trasformato in un dato

Alcune infografiche del progetto Lyrical Natural Sciences

Lo studio di grafici e creativi Flight Design Co., di San Francisco, ha reinterpretato in forma grafica cento canzoni, ci sono brani in qualche modo storici di Bob Dylan, Johnny Cash, Led Zeppelin e altri più recenti, come quelli Bon Iver. Il progetto si chiama Lyrical Natural Sciences: le tavole originali sono state esposte il 4 novembre 2016 a San Francisco, ma una loro versione digitale circola da più di un anno su Instagram, dove l’account di Katrina McHugh — Art Director e fondatrice di Flight Design Co. — ha pubblicato ogni giorno per cento giorni una canzone trasformata in infografica con l’hashtag #100daysoflyricalnaturalsciences.

La scelta dei testi delle canzoni, ha scritto McHugh, è stata casuale, dettata semplicemente da ciò che stava ascoltando ciascun giorno. Per ogni infografica, scrive, non ha impiegato più di quarantacinque minuti. Ogni tavola unisce parte del testo della canzone a segni grafici e disegni più realistici come piante e pianeti, in colori tenui: si possono acquistare tutte qui.

Abbiamo selezionato venticinque infografiche e nascosto il titolo e l’autore della canzone in fondo all’immagine per vedere se riuscite a indovinarle. Alcune sono molto difficili, altre sono piuttosto spiritose. In ogni caso, non si vince niente, ma se barate non lo sapremo mai.

Una foto pubblicata da Flight Design Co. (@flightdesign) in data:

Una foto pubblicata da Katrina McHugh (@katrinamchugh) in data:

La vie en rose, Edith Piaf

Una foto pubblicata da Katrina McHugh (@katrinamchugh) in data:

Ain’t No Sunshine, Bill Withers

Una foto pubblicata da Ariana Pritchett (@simply_ariana) in data:

Nothing compares to you, Sinead O’Connor

Una foto pubblicata da Katrina McHugh (@katrinamchugh) in data:

Here comes my baby, Cat Stevens

Una foto pubblicata da Katrina McHugh (@katrinamchugh) in data:

Imagine, John Lennon

Una foto pubblicata da Katrina McHugh (@katrinamchugh) in data:

Sweet dreams, Eurythmics

Una foto pubblicata da Katrina McHugh (@katrinamchugh) in data:

Wish you were here, Pink Floyd

Una foto pubblicata da Katrina McHugh (@katrinamchugh) in data:

Fly me to the moon, Frank Sinatra

Una foto pubblicata da Katrina McHugh (@katrinamchugh) in data:

Ring of fire, Johnny Cash

Una foto pubblicata da Katrina McHugh (@katrinamchugh) in data:

Starway to heaven, Led Zeppelin

Una foto pubblicata da Katrina McHugh (@katrinamchugh) in data:

Eye of the tiger, Survivor

Una foto pubblicata da Katrina McHugh (@katrinamchugh) in data:

Bohemian Rhapsody, Queen

Una foto pubblicata da Katrina McHugh (@katrinamchugh) in data:

Grapefruit moon, Tom Waits

Una foto pubblicata da Katrina McHugh (@katrinamchugh) in data:

Tangerine, Led Zeppelin

Una foto pubblicata da Katrina McHugh (@katrinamchugh) in data:

Space Oddity, David Bowie

Una foto pubblicata da Katrina McHugh (@katrinamchugh) in data:

Ain’t no mountain high enough, Marvin Gaye e Tammi Terrell

Una foto pubblicata da Katrina McHugh (@katrinamchugh) in data:

Rock your body, Justin Timberlake

Una foto pubblicata da Katrina McHugh (@katrinamchugh) in data:

Rocketman, Elton John

Una foto pubblicata da Katrina McHugh (@katrinamchugh) in data:

La isla bonita, Madonna

Una foto pubblicata da Katrina McHugh (@katrinamchugh) in data:

Stand by me, Ben E. King  

Una foto pubblicata da Katrina McHugh (@katrinamchugh) in data:

Somewhere over the rainbow, Harold Arlen e E.Y. Harburg

Una foto pubblicata da Katrina McHugh (@katrinamchugh) in data:

Can’t Help Falling In Love, Elvis Presley

Una foto pubblicata da Katrina McHugh (@katrinamchugh) in data:

When doves cry, Prince

Una foto pubblicata da Katrina McHugh (@katrinamchugh) in data:

The Passenger, Iggy Pop

Una foto pubblicata da Katrina McHugh (@katrinamchugh) in data:

The Wolves, Bon Iver

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.