(AP Photo/Luca Bruno)
  • Italia
  • venerdì 11 Novembre 2016

Finalmente si parla del “bagarinaggio online”

Un servizio delle “Iene” ha spiegato che alcuni organizzatori di eventi vendono parte dei biglietti dei concerti direttamente ai siti che li rivendono a prezzi altissimi

(AP Photo/Luca Bruno)

Da un paio di giorni diversi giornali e siti italiani si stanno occupando di un servizio della trasmissione televisiva Le Iene, che va in onda su Italia 1, che ha spiegato un presunto sistema di accordi tra alcuni grandi società italiane di organizzazione di eventi e i siti che si occupano di secondary ticketing, e cioè che vendono biglietti per concerti ed eventi fuori dai circuiti di vendita ufficiali, a prezzi molto più alti.

La questione del “bagarinaggio online” è molto discussa da diversi anni: capita sempre più spesso, in Italia e nel resto del mondo, che in occasione di concerti importanti i biglietti in vendita sui canali ufficiali – in Italia quasi sempre TicketOne – finiscano nel giro di pochi minuti. Poco dopo la chiusura delle vendite ufficiali, su alcuni siti – tipo SeatWave, Viagogo o TicketBis – si possono trovare molti biglietti per quei concerti, a prezzi anche 10 volte superiori a quello originale. L’ultimo episodio che ha fatto discutere dei siti di secondary ticketing è stata la vendita dei biglietti dei concerti dei Coldplay allo stadio San Siro di Milano, in programma per il prossimo luglio: non c’è però nessuna conferma che ci sia stato qualche tipo di operazione opaca nella gestione dei biglietti dei concerti dei Coldplay.

Questo sistema è stato spesso raccontato e denunciato, da giornali, associazioni di consumatori e dagli stessi artisti. Il servizio delle Iene dell’inviato Matteo Viviani – andato in onda mercoledì 9 novembre – sembra però avere confermato un’accusa di cui si parla da tempo: che le società che organizzano i concerti, e che dovrebbero per contratto far vendere tutti i biglietti a TicketOne, ne vendono una parte direttamente ai siti di secondary ticketing, ottenendo poi una percentuale sulla loro vendita a prezzi rialzati. Le Iene hanno ottenuto una conferma di questa pratica da Roberto De Luca, amministratore delegato di LiveNation, una delle principali società che organizzano concerti in Italia. De Luca ha spiegato che la sua società fa questo tipo di operazioni ma su un numero molto limitato di biglietti, per i concerti di pochi artisti internazionali e in molti casi perché sono stati gli artisti stessi a chiederlo, per ottenere i guadagni sui biglietti venduti a prezzi rialzati. Secondo la ricostruzione delle Iene, TicketOne è la principale parte lesa in questo sistema, di cui non era a conoscenza.

Il servizio si basa sulla testimonianza di una donna – rimasta anonima – che dice di lavorare per uno dei principali siti di secondary ticketing. Sono siti che dicono di essere semplici piattaforme che permettono a chi ha un biglietto in più per un concerto di venderlo a un’altra persona, e che tengono per sé una percentuale. La donna intervistata definisce una «barzelletta» questa versione: dice che con il fan che vende il proprio biglietto i siti guadagnano il 10 per cento del prezzo, ma il business principale dei siti non è quello. Sono invece gli «accordi che prendiamo direttamente con gli organizzatori degli eventi»: non con TicketOne, ma direttamente con chi organizza il concerto. «In teoria l’organizzatore del concerto dovrebbe vendere in esclusiva i biglietti a TicketOne, in verità non è così: ne vende una parte a noi prima della vendita ufficiale. 1000, 5000, 15000, dipende».

Le Iene hanno parlato con Claudio Trotta, capo di Barley Arts, una grossa società che organizza concerti in Italia: Trotta dice che la sua società non ha mai fatto questo tipo di accordi, che può dimostrarlo e che anzi ha spesso denunciato, pubblicamente e penalmente, questo sistema, perché aveva il sospetto che esistesse. Secondo la donna intervistata, i siti di secondary ticketing comprano i biglietti il giorno prima della messa in vendita allo stesso prezzo al pubblico: poi li mettono in vendita a prezzi che possono essere 10 volte più alti, o anche di più. Spiega però che la maggior parte del guadagno va all’organizzatore, che ha una percentuale sulle vendite dei portali di bagarinaggio. Le Iene dicono che dopo il servizio sui Coldplay è arrivato loro un pacco con molti documenti che secondo loro accertano contratti tra organizzatori di eventi e siti di bagarinaggio online. Secondo questi documenti, la percentuale che va all’organizzatore è del 90 per cento. A volte non tutti i biglietti dei siti di secondary ticketing vengono venduti: quelli avanzati, dice la donna intervistata, vengono messi in un magazzino o rivenduti all’organizzatore.

Le Iene dicono che tra le società coinvolte nei loro documenti c’è una delle più grosse: LiveNation, che organizza la maggior parte dei concerti dei grandi artisti in Italia, dai Coldplay a Beyoncé. Hanno intervistato De Luca, che all’inizio è stato un po’ vago nel rispondere alle accuse di Viviani, negando rapporti con i siti di secondary ticketing. Poi, dopo aver visto i documenti ottenuti dalle Iene – e che secondo loro dimostrano un fatturato di 140mila euro per una singola operazione su un concerto – ha però cominciato a spiegare abbastanza chiaramente come funziona il sistema.

All’inizio dice che loro sono contrari a questo tipo di operazione, ma che dando i biglietti ai siti di secondary ticketing possono diminuire il prezzo dei biglietti sul mercato: se ce ne sono dieci in vendita, e loro ne mettono venti, il prezzo diminuisce. De Luca dice che questa cosa si può fare ma Stefano Lionetti, amministratore delegato di TicketOne, ha invece spiegato che se quei biglietti li mette in vendita l’organizzatore, è una violazione del contratto. Lionetti è sembrato molto stupito nel leggere i documenti che gli hanno mostrato Le Iene, e ha detto che preferisce non commentare.

Poi De Luca ha dato un’ulteriore spiegazione della pratica: se la vendita dei biglietti di un concerto non va particolarmente bene, loro devono cercare di farla andare meglio. Se fanno comparire dei biglietti su quei siti, «quel biglietto assume un valore maggiore e quindi viene creato l’interesse». Ha detto che gli artisti coinvolti hanno la possibilità di non vendere tutti i biglietti, anche se Le Iene dicono che tra quelli dei loro documenti ce n’è uno molto famoso, che secondo loro non avrebbe problemi a farlo. Secondo De Luca, essendo i biglietti che loro vendono ai siti di secondary ticketing cartacei, non c’è una violazione del contratto con TicketOne: secondo Lionetti invece c’è comunque.

Le Iene hanno poi mostrato a De Luca un documento che secondo loro dimostra che LiveNation guadagna il 90 per cento sul prezzo dei biglietti venduti sul mercato secondario. Il servizio delle Iene non sembra mostrare una prima risposta di De Luca su questo punto, ma poco dopo Viviani glielo richiede, e lui risponde: «sì, e che poi, voglio dire, ad esempio diamo in questo caso ai terremotati». De Luca dice che fa qualcosa «che in questo caso è borderline, secondo me», e che lo fa anche per incassare il 90 per cento. Non è un comportamento da bagarini, secondo lui, perché «il mercato secondario esiste a prescindere, sto solo cercando di governarlo».

Poi nell’intervista De Luca dà una nuova spiegazione: dice che in diversi casi sono stati gli stessi artisti a chiedergli di vendere parte dei biglietti direttamente sul mercato secondario. A questo punto Le Iene usano un vecchio e discutibile trucco per ottenere risposte dagli intervistati: abbassano le telecamere, ma continuano a riprendere. De Luca dice che sono «obbligati, ragazzi, eh, che cazzo vi ho detto, vi ho detto obbligati». Viviani gli chiede: «siete obbligati anche a prendervi il 90 per cento?», e De Luca gli dice: «ma secondo te, il 90 per cento, a chi va?». Spiega che passa solo attraverso la loro società, e poi non dice esplicitamente a chi va, ma sembra alludere agli artisti stessi.

Dopo l’intervista, De Luca ha richiamato Le Iene per spiegare meglio: «intanto voglio precisare che alla vostra domanda se vengono immessi da parte di LiveNation biglietti sul mercato secondario io vi ho risposto no: intendevo che non vengono immessi sulla nuova piattaforma, che è quella di Seatwave. In realtà noi immettiamo su un numero molto limitato di piattaforme, in questo caso Viagogo. ci tengo però a precisare che LiveNation vende in italia circa due milioni di biglietti ogni anno. I biglietti che noi immettiamo sul mercato secondario sono pari allo 0,2 per cento, e quindi non sono decine di migliaia di biglietti, ma sono qualche centinaia di biglietti per concerto». dice che finora non l’ha detto perché le responsabilità non sono necessariamente tutte sue. Vivani gli chiede: «la questione riguarda quindi dei cantanti che le hanno chiesto di mettere i biglietti sul secondary ticketing perché così una parte del guadagno torna a loro?», e De Luca risponde: «Esatto».

Dopo il servizio, Vasco Rossi ha detto che interromperà i suoi rapporti con LiveNation. Secondo quanto scrivono i giornali, ci sono due inchieste aperte della Procura di Milano sulla questione del bagarinaggio online: una sulla vicenda raccontata dalle Iene, e un’altra iniziata qualche settimana fa che ipotizza reati di truffa informatica e sostituzione di persona.

Venerdì il governo italiano ha presentato alla Camera un emendamento alla legge di bilancio per punire il bagarinaggio online, che «determina forti danni a carico dell’erario per mancata corresponsione di maggiori imposte, nonché, come evidente, a carico dei consumatori/utenti, (…) nonché degli autori/editori e degli artisti interpreti». Non è ancora chiaro come funzioneranno le sanzioni, previste per «ciascuna violazione accertata» e che andranno da 30mila a 180mila euro. Il ministro della Cultura Dario Franceschini ha definito il bagarinaggio online «un fenomeno intollerabile e i fatti di questi giorni dimostrano che non è sufficiente l’autoregolazione ma serve un intervento legislativo».

Dopo il servizio delle Iene, LiveNation ha pubblicato un comunicato in cui dice:

In riferimento al servizio andato in onda ieri sera 8 novembre all’interno del programma televisivo “Le Iene”, Live Nation precisa e puntualizza che le affermazioni contenute nel servizio si riferivano unicamente a pochi Artisti internazionali e che nessuno degli Artisti italiani ha mai chiesto di assegnare biglietti dei loro spettacoli al mercato di vendita secondario.

Ugualmente Live Nation garantisce di non aver spontaneamente immesso sul mercato secondario quantitativi di biglietti dei concerti di Tiziano Ferro, Giorgia e Marco Mengoni, attualmente in vendita.