• Italia
  • venerdì 28 ottobre 2016

Il cavalcavia crollato sulla Milano-Lecco

Un tir è caduto schiacciando alcune auto e causando un morto e quattro feriti: ora c'è un video impressionante che lo mostra

(ANSA / Lecconotizie.com)

Nel pomeriggio di venerdì 28 ottobre, una persona è morta e quattro sono rimaste ferite quando è crollato un cavalcavia sulla strada statale Milano-Lecco, all’altezza di Annone Brianza, in provincia di Lecco. Un tir che stava attraversando il cavalcavia – su cui passa la strada provinciale 49 – è caduto sulla strada statale sottostante schiacciando alcune auto.

La causa del crollo del cavalcavia non è ancora stata chiarita. Il traffico sulla strada è stato chiuso nel tratto interessato in entrambi i sensi di marcia. Tra i feriti il più grave è l’autista del camion, un cittadino bulgaro. L’uomo era alla guida di un “trasporto eccezionale”, un camion carico di bobine d’acciaio del peso di 108 tonnellate. Secondo il Corriere della sera, l’ANAS, la società che gestisce la strada dove è avvenuto l’incidente, ha ipotizzato che il TIR avesse un peso eccessivo rispetto a quello che era stato autorizzato. In un primo momento si era parlato di un peso di circa 70 tonnellate. La procura di Lecco ha aperto un’inchiesta per omicidio e disastro colposo, al momento senza indagati.

ANAS ha fatto sapere che già alle 14 di venerdì l’addetto alla sicurezza del tratto in questione della Milano-Lecco si è accorto che dal cavalcavia erano crollati alcuni pezzi. A quel punto l’addetto ha contattato la Provincia di Lecco, che avrebbe chiesto ad ANAS una richiesta formale prima di ordinare la chiusura della strada. Scrive il Corriere della Sera che il cavalcavia è crollato proprio mentre sul posto stava arrivando un responsabile ANAS. Il cavalcavia era stato costruito fra gli anni Sessanta e Settanta.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.