J. Edgar Hoover, capo dell'FBI, con il cane Holly Spring - Washington, DC, Stati Uniti, 7 aprile 1954 (AP Photo/William J. Smith)

È pericoloso farsi leccare la faccia da un cane?

Ecco, abbastanza, soprattutto se vi fate leccare bocca e naso, spiega il New York Times

J. Edgar Hoover, capo dell'FBI, con il cane Holly Spring - Washington, DC, Stati Uniti, 7 aprile 1954 (AP Photo/William J. Smith)

Nulla dice ti voglio bene come il tuo cane che ti lecca la faccia, almeno secondo molti loro padroni, che si scambiano volentieri effusioni con i loro cani lasciando che gli strofinino il muso sulla faccia. Per il quadrupede è più che altro un’esperienza giocosa, mentre il bipede ci vede qualcosa di più, che lo lega più intimamente al suo animale da compagnia. Baciare il naso e il muso del proprio cane o consentirgli di leccare la nostra faccia porta con sé qualche rischio di cui è meglio essere consapevoli, come ha spiegato di recente Christopher Mele sul New York Times.

Come quella degli esseri umani, anche la bocca dei cani è abitata da una miriade di batteri, virus e altre sostanze (microbioma), come le proteine che aiutano a riparare i tessuti del palato in caso di ferite o irritazioni. Il microbioma dei cani è però fatto diversamente da quello della nostra bocca, e alcuni suoi componenti possono essere dannosi per la nostra salute. Alcuni batteri, per esempio, se trasmessi all’uomo possono causare problemi e malattie di vario tipo. L’elenco è lungo e va dalla salmonella a E. coli, passando per il Campylobacter, un batterio che causa febbre, crampi addominali e forti disturbi gastrointestinali.

Naturalmente l’organismo umano possiede difese che in molti casi riescono a contrastare la proliferazione dei virus e dei batteri trasmessi generosamente dal proprio animale domestico. Se la saliva del cane entra in contatto con la pelle integra di una persona sana, è molto difficile che ci possano essere infezioni di qualche tipo dovute alle sostanze presenti nella bocca dell’animale. Le cose possono complicarsi se la saliva entra in contatto con le mucose del naso e della bocca o attraverso gli occhi, dove ci sono meno difese e batteri e virus possono aprirsi una strada per infettare l’organismo. Non accade così di frequente, ma per precauzione medici e veterinari sconsigliano di farsi leccare il naso e la bocca dal proprio cane.

I cani hanno difese immunitarie adeguate per restare in salute nonostante le loro abitudini, che per gli esseri umani non corrispondono al massimo dell’igiene. Si rotolano un po’ dappertutto, quando non sono impegnati a leccarsi da qualche parte leccano le cose che hanno intorno, mettono il naso ovunque: soprattutto dove altri loro simili hanno lasciato traccia del loro passaggio, diciamo. Il loro muso è quindi popolato da una grande quantità di microrganismi di ogni tipo, che conviene non finiscano in contatto con labbra e naso degli esseri umani.

L’ex presidente dell’American Veterinary Medical Association, Joe Kinnarney, ha spiegato che secondo una ricerca un cane arriva ad accumulare fino a 20-30 milioni di uova di vermi cilindrici (nematodi, parassiti intestinali) nel suo tratto intestinale alla settimana. I cani rimediano questi parassiti quando assaggiano la cacca o leccano l’ano di un loro simile. È raro che accada, ma c’è una possibilità che leccando la faccia del proprio padrone un cane che ha da poco fatto un assaggio trasmetta un parassita intestinale, causandogli non pochi problemi di salute. Questo tipo di contaminazione può comunque anche avvenire quando si consumano cibi mal conservati, oppure vegetali consumati crudi senza averli lavati adeguatamente.

Avvicinarsi troppo al muso di un cane può essere inoltre pericoloso se l’animale è in un momento di forte stress, o non conosce la persona che – ben intenzionata – lo sta stringendo per fargli delle coccole. In alcuni casi la reazione può essere imprevedibile e si può essere attaccati. Il consiglio di essere prudenti vale per tutti, ma in modo particolare per chi si avvicina a un cane che non conosce.

Per chi non riesce a fare proprio a meno di farsi leccare la faccia dal proprio cane: controllate che sia stato vaccinato, che sia stato sverminato (se è un nuovo arrivo) e che non sia entrato di recente in contatto con le feci di altri animali. È inoltre consigliabile lavarsi bene le mani subito dopo, insaponandole e strofinandole per almeno una ventina di secondi con del sapone, in modo da eliminare buona parte dei batteri dalla pelle.

In molti comunque preferiscono non scambiarsi effusioni troppo intime con i loro cani, e tra questi c’è anche il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, che in un’intervista sui due cani che tiene alla Casa Bianca ha detto:

Non lascio che Sunny e Bo mi lecchino, perché quando li porto a spasso qui nel giardino, vedo che cosa raccolgono e masticano e non è roba che fa per me.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.