La casa natale di Adolf Hitler e la targa su suolo pubblico, Braunau am Inn, Austria (Johannes Simon/Getty Images)
  • Mondo
  • martedì 18 Ottobre 2016

La casa dove nacque Adolf Hitler sarà demolita

Lo ha dichiarato il ministro degli Interni austriaco precisando che le fondamenta saranno conservate e che su di esse sarà costruita una nuova struttura

La casa natale di Adolf Hitler e la targa su suolo pubblico, Braunau am Inn, Austria (Johannes Simon/Getty Images)

Il ministro degli Interni austriaco Wolfgang Sobotka, del partito popolare austriaco (ÖVP), ha detto che la casa di Braunau am Inn dove nel 1889 nacque Adolf Hitler sarà demolita, precisando però che «le fondamenta potranno essere conservate» e che su di esse «nascerà una nuova struttura». Il ministro ha detto che intende seguire il parere di una speciale commissione istituita dal governo e di cui fanno parte storici e varie personalità, compreso il presidente della comunità ebraica del paese. La commissione aveva chiesto una «radicale riprogettazione architettonica» della casa per renderla irriconoscibile ed evitare che potesse diventare un luogo di ritrovo per neonazisti.

La coalizione di governo (formata da popolari e socialdemocratici) è preoccupata che la casa possa diventare un luogo di pellegrinaggio per i neonazisti e da tempo si discuteva sul suo futuro. Per diventare definitiva la proposta di demolizione e ricostruzione dovrà essere comunque approvata dal parlamento: l’attuale proprietaria, Gerlinde Pommer, si è infatti sempre rifiutata di venderla, ma il governo ha presentato un progetto di legge per espropriarla. Al posto della casa, secondo il progetto del governo, sarà costruito un nuovo edificio che sarà messo a disposizione di un ente di beneficenza o delle autorità locali.

Della casa natale di Hitler, che si trova nel nord del paese, si discute da tempo. Il ministro degli Interni è sempre stato favorevole alla sua demolizione, altri, come il vicecancelliere Reinhold Mitterlehner, avrebbero invece voluto trasformarla in un museo o creare al suo interno un progetto con valore educativo. Altri ancora, invece, per togliere al luogo ogni senso storico e politico, avevano proposto di aprire al suo interno un supermercato o una stazione dei pompieri.

Hitler nacque in una stanza all’ultimo piano del palazzo il 20 aprile del 1889 dopo che la sua famiglia l’aveva presa in affitto dagli antenati dell’attuale proprietaria: vi abitò solo per poche settimane, prima di trasferirsi a un altro indirizzo. Durante il regime nazista, la casa venne trasformata in una specie di santuario che molti turisti venivano a visitare e nel 1930 la famiglia proprietaria organizzava visite a pagamento della camera di Hitler. Nel 1938, i proprietari vendettero l’edificio a un prezzo esorbitante, così scrive Le Monde, al partito nazionalsocialista tedesco dei lavoratori (NSDAP), e la recuperarono dopo la guerra dicendo che avevano dovuto cedere alle pressioni dei nazisti.

Nel 1972 l’edificio – che la proprietaria si è sempre rifiutata di vendere – venne preso in affitto dallo stato che attualmente paga circa 4.800 euro al mese (lo stato ha giustificato questa operazione dicendo che voleva evitare la creazione di un luogo di pellegrinaggio neonazista). Negli ultimi anni l’edificio ha ospitato un’organizzazione che lavora con le persone disabili, ma è vuota e inutilizzata dal 2011 perché la proprietaria, a cui spetta l’ultima parola, ha ripetutamente respinto le proposte fatte dallo stato per il suo utilizzo. Fuori dalla casa, su suolo pubblico e non sulla facciata perché la proprietaria ha negato anche questa richiesta, c’è una targa commemorativa con scritto: «Per la pace, la libertà e la democrazia, mai più il fascismo. Milioni di morti ricordano».