(EVA HAMBACH/AFP/Getty Images)

Google ora segnala gli articoli di fact-checking

Su Google News c'è una nuova etichetta per indicare gli articoli con verifiche di fatti e dichiarazioni, per cadere meno nelle bufale

(EVA HAMBACH/AFP/Getty Images)

Google ha aggiunto una nuova funzione al suo servizio Google News per mettere in evidenza gli articoli che fanno fact-checking su particolari argomenti, consentendo ai lettori di avere una verifica dei fatti e di ridurre la circolazione di notizie false e infondate. Alle etichette che esistono già da tempo nella pagina dei risultati di Google News – come “Editoriali”, “Approfondimenti” e “Il più citato” – Google ha aggiunto la voce “Fact-check” da mostrare prima dei titoli degli articoli in cui si verificano per esempio le dichiarazioni dei politici oppure l’autenticità di notizie particolari e strane, spesso riprese dai media senza i necessari controlli delle fonti. Il servizio è disponibile da ieri negli Stati Uniti e nel Regno Unito, ma Google ha confermato di essere al lavoro per estenderlo nei prossimi mesi in altri paesi.

Gli articoli di fact-checking sono inseriti automaticamente da Google News nelle liste dei link su uno stesso argomento, preparate dagli algoritmi del servizio. L’idea è di offrire uno strumento aggiuntivo per consentire a tutti di verificare l’autenticità della notizia riportata dagli altri media, identificando più facilmente le informazioni inesatte o le bufale vere e proprie. I siti di notizie che fanno regolarmente la verifica di fatti e affermazioni potranno inserire nelle pagine dei loro articoli di fact-checking del codice aggiuntivo, che servirà a Google News per distinguere i pezzi di questo tipo dagli altri. È previsto inoltre un processo di iscrizione al servizio per i siti di notizie, per consentire a Google di avere una base fidata di fact-checker.

factcheck_articles-width-800

Il nuovo servizio è stato annunciato sul blog di Google, dove si spiega che l’obiettivo è di “mettere in luce gli sforzi della comunità che si occupa del fact-checking, che cerca di distinguere la verità dalla finzione, il buon senso dalle sbandate”. Il sistema è disponibile sia nella versione per computer sia in quella per smartphone e altri dispositivi mobili di Google News.

Le etichette per identificare più facilmente gli articoli di fact-checking sono state introdotte da Google in un momento cruciale per il sistema dell’informazione negli Stati Uniti, dove sono in corso le ultime settimane di campagna elettorale in vista delle presidenziali dell’8 novembre. Ogni giorno i siti di news pubblicano decine di articoli per verificare le cose dette da Hillary Clinton e Donald Trump, con un controllo dei fatti che talvolta avviene persino in tempo reale durante i loro comizi e i dibattiti televisivi. Secondo il sito di fact-cheking Politifact, Trump finora ha detto cose false nel 71 per cento dei casi, mentre Clinton nel 27 per cento.

fact-check

L’indicazione degli articoli di fact-checking dovrebbe anche contribuire a ridurre la circolazione di notizie false e bufale, talvolta messe in circolazione da siti poco affidabili al solo scopo di ottenere più traffico con notizie eclatanti. Il fenomeno è diventato molto diffuso ed esistono siti che sono ormai specializzati nella diffusione di bufale di ogni tipo, che circolano molto grazie al passaparola sui social network. Secondo molti osservatori, Facebook dovrebbe sviluppare uno strumento simile a quello presentato da Google per ridurre la circolazione di notizie false tra i suoi utenti.

Negli Stati Uniti, Facebook è la prima fonte di informazione per chi ha tra i 18 e i 24 anni ed è meno preparato a distinguere le notizie false o non verificate. Nei mesi scorsi il social network era stato criticato per il modo con cui sceglieva le notizie da mettere in evidenza nella sezione “Di tendenza”, perché ritenuto troppo fazioso. Facebook aveva risposto alle critiche promettendo alcune modifiche e di recente ha rinunciato alla redazione che si occupava del sistema, affidando il compito a un sistema automatico. Il problema è che in più di un’occasione gli algoritmi hanno messo in evidenza notizie false di vario tipo, contribuendo quindi alla diffusione di bufale e informazioni non accurate.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.