• Cultura
  • mercoledì 12 ottobre 2016

I libri e i loro oggetti, fotografati

Un account Instagram, con oltre 100mila followers, pubblica immagini di romanzi circondati dalle cose più riconoscibili e simboliche della trama

Folded Pages Distillery è un account Instagram che pubblica fotografie di libri, più o meno famosi, circondati dagli oggetti più riconoscibili e simbolici della storia. Per esempio Peter Pan è affiancato da un modellino di nave pirata, Le avventure di Sherlock Holmes da una lente di ingrandimento, e Harry Potter e la pietra filosofale da bacchette magiche e segnalibri a forma di gufi e volpi. L’account è molto seguito, ha 100 mila followers ed è gestito da Hikari Loftus, che collabora con un sito di “recensioni-distillate” che pubblica recensioni «concentrandosi sulle principali forze in gioco di un testo. Il nostro processo di lettura – spiegano le autrici del sito – è la distillazione delle pagine di un libro: gli spazi, le idee e i sentimenti nel testo».

La ragazza del treno, di Paula Hawkins
È stato il caso letterario del 2015 e ha ispirato l’omonimo film con protagonista Emily Blunt che uscirà in Italia a inizio novembre: parla di una donna con problemi di alcolismo che assiste a un omicidio, e si rende conto che potrebbe esserne coinvolta.

Lo Hobbit, di J. R. R. Tolkien
È un romanzo fantasy che ha come protagonisti gli hobbit, esseri fantastici di piccole dimensioni, ed è considerato il capitolo introduttivo alla saga de Il Signore degli anelli.

Sotto il sole della Toscana, di Frances Mayes
È una raccolta di memorie autobiografiche che racconta le estati di una donna americana passate nella campagna attorno a Cortona. Nel 2004 dal libro è stato tratto un film omonimo, con Diane Lane.

Player one, di Ernest Cline
Il primo romanzo dello scrittore e sceneggiatore statunitense racconta la vita sulla Terra in un futuro distopico, dove l’unico svago per le persone comuni è accedere a un mondo virtuale chiamato OASIS.


Peter Pan, di James M. Barrie
Peter Pan, il ragazzino che non vuole crescere mai e che tutti conoscete, era apparso per la prima volta in un altro libro scritto da Barrie, L’uccellino bianco, pubblicato nel 1902 e rivolto agli adulti.

Mangia prega ama, di Elizabeth Gilbert
È l’autobiografia di Gilbert, che dopo il divorzio abbandona gli Stati Uniti e si trasferisce prima in Italia, poi in India e infine in Indonesia “alla ricerca di se stessa”. Nel 2010 dal libro è stato tratto l’omonimo film con Julia Roberts.


Alice nel paese delle meraviglie e Attraverso lo specchio e quel che Alice vi trovò di Lewis Carroll
Il celebre libro pubblicato nel 1865: anche questo lo conoscete tutti, perlomeno per il film Disney che racconta la storia.

Fahrenheit 451, di Ray Bradbury
Il famoso romanzo fantascientifico, uscito nel 1953, racconta un’epoca immaginaria, cronologicamente imprecisata, in cui è vietato leggere libri, che vengono bruciati. Il titolo del romanzo indica la temperatura alla quale, secondo l’autore, la carta prende fuoco (anche se non è proprio così).

Assassinio sull’Orient Express, di Agatha Christie
È uno dei più famosi gialli di Agatha Christie con protagonista il detective Hercule Poirot.

Le avventure di Sherlock Holmes, di Arthur Conan Doyle
La raccolta venne pubblicata per la prima volta nel 1892, sebbene i racconti che la compongono uscirono singolarmente sullo Strand Magazine tra il 1891 e il 1892.

Harry Potter e la pietra filosofale, di J. K. Rowling
Il primo libro della famosissima saga uscì per la prima volta in Gran Bretagna nel 1997.

Il grande Gatsby, di F. Scott Fitzgerald
È il romanzo più famoso di Fitzgerald, considerato un capolavoro della narrativa americana del Novecento: qui per saperne di più (e le copertine più belle). Se n’è riparlato nel 2013 dopo che è uscito il film tratto dal romanzo girato da Buz Luhrmann, con protagonista Leonardo DiCaprio. È la quarta trasposizione cinematografica del libro, la più famosa e riuscita è quella diretta da Jack Clayton con Robert Redford e Mia Farrow.

TAG:

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.