Le voci originali dei film d’animazione

Quelle che spesso non sentiamo, tra cui: Paul Newman che fa una macchina, Kevin Bacon che fa un cane e Angela Lansbury che fa la teiera

I due film più visti delle ultime settimane sono stati Alla ricerca di Dory e Pets – Vita da animali: due film d’animazione i cui protagonisti sono animali parlanti. La voce del pesce Dory, la protagonista del primo, è di Carla Signoris; la voce di Max, il protagonista di Pets, è invece di Alessandro Cattelan. Nella versione inglese quelle due voci sono invece di Ellen DeGeneres e Louis C.K. Partendo da questi due recenti casi abbiamo raccolto 28 personaggi dei film d’animazione la cui voce originale è di qualcuno piuttosto famoso.

Da qualche anno i film d’animazione sono diventati tantissimi e sempre più importanti e potrebbero esserci decine di esempi: abbiamo quindi evitato quelli troppo noti (che la voce di Woody di Toy Story sia Tom Hanks lo sappiamo tutti, giusto?). Abbiamo anche evitato i cartoni animati da tv, anche se lì ci sarebbero cose interessanti: Meg Griffin con la voce di Mila Kunis o il Joker dei cartoni su Batman con la voce di Mark Hamill, cioè Luke Skywalker. Non abbiamo messo nemmeno Garfield, doppiato in versione originale da Bill Murray, santo patrono del Post. Murray ha spiegato che accettò di fare il film perché pensava che lo sceneggiatore fosse uno dei fratelli Coen, invece lesse male: lo sceneggiatore era un altro, Joel Cohen (con l’H).

Hopper, doppiato da Kevin Spacey, in A Bug’s Life – Megaminimondo

Shenzi, doppiato da Whoopi Goldberg, e Scar doppiato da Jeremy Irons, Il re leone

Mr. F. F. Fox doppiato da George Clooney in Fantastic Mr. Fox

Z, doppiato da Woody Allen, Zeta la formica

Mrs. Bric (Mrs Pots nella versione inglese), doppiato da Angela Lansbury, La Bella e la Bestia

 

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.