(FILIPPO MONTEFORTE/AFP/Getty Images)

I vincitori del festival di Venezia

Il Leone d'oro è andato al film "The Woman Who Left" del regista filippino Lav Diaz, il premio per la migliore attrice l'ha vinto Emma Stone

(FILIPPO MONTEFORTE/AFP/Getty Images)

Sono stati assegnati i premi del 73esimo festival del cinema di Venezia: il Leone d’oro per il miglior film, il premio più importante del festival, è andato a The Woman Who Left del regista filippino Lav Diaz. La Coppa Volpi per la miglior interpretazione maschile è andata a Oscar Martínez, l’attore di El Ciudadano Ilustre; quella per la miglior interpretazione femminile è invece andata a Emma Stone per La La Land. Il Gran premio della giuria l’ha vinto Nocturnal Animals di Tom Ford.

I premi principali del festival del cinema di Venezia

Leone d’Oro per il miglior film: The Woman Who Left di Lav Diaz
Gran premio della giuria: Nocturnal Animals di Tom Ford
Coppa Volpi per la miglior interpretazione femminile: Emma Stone per La La Land
Coppa Volpi per la miglior interpretazione maschile: Oscar Martínez per El Ciudadano Ilustre
Miglior sceneggiatura: Noah Oppenheim per Jackie di Pablo Larrain
Premio speciale della giuria: The Bad Batch di Ama Lily Amirpour
Premio Marcello Mastroianni: Paul Beer, attrice di Frantz
Premio Leone del futuro per la miglior opera prima: The Last of Us di Ala Eddine Slim
Miglior film della sezione Orizzonti: Liberami di Federica Di Giacomo
Leone d’Argento per la miglior regia (a due film): Amat Escalante per La region salvaje e Andrei Konchalovsky per Paradise

La cerimonia di premiazione è stata presentata da Sonia Bergamasco, la madrina del festival, e si è svolta nella Sala Grande del Palazzo del Cinema. I premi più importanti del festival di Venezia sono stati assegnati da una giuria presieduta da Sam Mendes, il regista di American Beauty e degli ultimi due James Bond. Insieme a lui in giuria c’erano l’artista e regista Laurie Anderson, lo scrittore Giancarlo De Cataldo, i registi Lorenzo Vigas e Joshuna Oppenheimer e le attrici Zhao Wei, Gemma Arterton, Nina Hoss e Chiara Mastroianni. Il 73esimo festival di Venezia – il cui nome esatto è “Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica” – è iniziato il 31 agosto. I film in concorso erano 20, tre dei quali italiani.

Il festival di Venezia è il più antico del mondo (arrivò un paio d’anni dopo gli Oscar, ma quelli sono premi, non un festival di film nuovi) ed è anche piuttosto importante: il Guardian ne ha parlato come di una “rampa di lancio per gli Oscar” perché, per esempio, i due Miglior film degli Oscar del 2015 e del 2016 (Birdman e Spotlight) furono presentati a Venezia. La scorsa edizione del festival di Venezia fu vinta dal film venezuelano Ti guardo e fu in genere ritenuta troppo elitaria e poco attenta ai gusti del pubblico; quest’anno l’idea generale è che ci fossero invece film interessanti e originali ma anche cose capaci di piacere sia alla critica che al pubblico.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.